Come fotografare correttamente le tue opere d'arte?

Come fotografare correttamente le tue opere d'arte?

Bastien Alleaume | 26 feb 2021 6 minuti di lettura
 

In questo articolo, quindi, risponderemo a una domanda apparentemente semplice ma complessa: come posso ottenere immagini di qualità delle mie opere d'arte?

illustration-article-photo-am-en-small.jpg

Oggi più che mai è fondamentale per un artista saper fotografare il proprio lavoro. Che si tratti di promuovere le sue creazioni sui social network, di pubblicare annunci sulle piattaforme di vendita d'arte online o semplicemente di stampare supporti di comunicazione che integrano un visual, è ormai quasi impossibile per un artista evolversi senza avere immagini digitali di buona qualità delle sue tele.

In questo articolo, quindi, risponderemo a una domanda apparentemente semplice ma piuttosto complessa: come ottengo immagini di qualità della mia opera d'arte?

Non tutti gli artisti sono fotografi. Se per alcuni di voi il processo sembra ovvio, per molti dei vostri coetanei la riuscita della fotografia di un dipinto a volte è fantascienza . Niente panico, ti spiegheremo come catturare la tua opera nel modo più chiaro possibile: segui la guida!

1. Attrezzatura: un investimento necessario

Per ottenere immagini di buona qualità è necessaria almeno una fotocamera abbastanza recente o un telefono di ultima generazione, in grado di scattare fotografie di buona qualità. A parte questo presupposto essenziale, se desideri investire di più, altri strumenti potrebbero consentirti di facilitare e/o sublimare il tuo lavoro .

Questi strumenti non sono indispensabili : qualche ingegnoso fai da te può aiutarti a evitare questi acquisti, ma sappi che esistono, e che possono essere utili, soprattutto se realizzi molte opere d'arte, o se i tuoi profitti ti permettono di investire in un risparmio di tempo che ti darà maggiore disponibilità per la creazione .

Ecco gli strumenti di cui potresti aver bisogno , classificati ( soggettivamente ) in base al loro ordine di importanza , dal più al meno necessario:

  • Un treppiede regolabile : per stabilizzare la fotocamera/telefono, facilitare l'inquadratura ed evitare l'effetto mosso.
  • Un cavalletto : per mantenere la tua opera d'arte dritta e stabile.
  • Due faretti/proiettori LED portatili : imitando la luce naturale, questi proiettori ti permetteranno di scattare fotografie in interni, d'inverno, di notte o in qualsiasi altro momento quando il sole non splende.
  • Un lungo tessuto (o tenda) bianco, spesso e opaco : molto utile per la fotografia disculture , ti permetterà anche di unificare lo sfondo della tua opera d'arte, ed evitare l'inquinamento luminoso da oggetti o riverberi di luce dietro la tela.
  • Una tabella dei grigi : Inutile se non se hai l'anima di un professionista, o se eccelli nel campo dei monocromi bianchi, questo strumento ti permette di controllare e mettere a punto il bilanciamento del bianco delle tue fotografie.
  • Una livella : questo strumento è necessario se non hai un cavalletto o se la tua tela è troppo grande per questo. Altrimenti, sarà utile solo ai più perfezionisti tra di voi. Molte applicazioni per smartphone sono molto brave in questa funzione.

Per quanto riguarda le possibili alternative : Puoi sostituire il treppiede con uno sgabello o un piccolo mobile ( comodino, piedistallo... ) e alcuni libri grandi per regolare l'altezza. Se non vuoi investire in proiettori a LED, la luce del giorno è molto efficiente per fare buone fotografie dei tuoi dipinti: le luci artificiali ti permetteranno solo di non dipendere più dal tempo e dalle sottigliezze dell'illuminazione naturale nel tuo laboratorio / appartamento / Casa. Allo stesso modo, se non hai un cavalletto per sostenere la tua opera d'arte, puoi fissare l'opera d'arte su una parete bianca , con una livella. Questo sarà sufficiente per ottenere un rendering semplice ed efficace.


2.Imposta configurazione

Sia che tu scelga l'illuminazione naturale o artificiale, fai attenzione a questi pochi punti:

  • Non usare mai il flash : crea aree lucide sulle immagini e distorce totalmente l'opera d'arte catturata.
  • Fotografare un dipinto in 2D non soddisfa gli stessi requisiti di fotografare un ritratto o un paesaggio . La luce deve illuminare uniformemente la tela . Se un'area in ombra occupa parte della superficie della tela, appannerà l'intero lavoro, allontanando così lo scatto finale dal vero aspetto della tua opera d'arte .
  • Se la tua opera d'arte è in rilievo , più spessa o più sottile, assicurati che la direzione della luce non faccia apparire ombre indesiderate intorno ad essa. In questo caso, sposta la grafica finché non noti più ombre indesiderate.

Per una ripresa all'aperto , preferisci una fascia oraria a metà giornata , quando il cielo è azzurro o bianco, e tra le 10 e le 15 , quando la luce è più forte.

Per una ripresa in interni , la stanza in cui allestirai la tua installazione dovrebbe essere di almeno 3 m per 3 m ed essere dotata di tapparelle o tende , in modo da poter regolare le fonti di luce esterne a tuo piacimento.

Se utilizzi un kit di illuminazione a LED, installa entrambe le sorgenti luminose su ciascun lato della videocamera.

schema2-photo-article-am-en.png

Per quanto riguarda l'installazione delle tue opere d'arte e delle tue attrezzature, segui queste semplici regole :

  • La tela e il pavimento dovrebbero essere ad angolo retto per limitare la distorsione prospettica . L'opera d'arte appoggiata su cavalletto o appesa a parete deve essere perfettamente orizzontale , con il bordo inferiore parallelo al pavimento.
  • Posiziona il tuo treppiede / sgabello e la tua fotocamera a una distanza di 1 o 2 metri dall'opera d'arte, di fronte ad essa, alla stessa altezza.
  • Valuta la distanza necessaria affinché l'opera d'arte si adatti perfettamente alla cornice della tua fotocamera . Assicurati che la tela riempia il più possibile lo schermo del tuo dispositivo, in modo da limitare il ritaglio dei margini quando ritocchi le tue immagini. Questo ritaglio riduce la risoluzione delle tue immagini, quindi è meglio limitarla il più possibile.
  • Una volta che sei soddisfatto dell'installazione, programma un autoscatto per alcuni secondi (3 o 10) e fai diversi scatti per assicurarti di avere quello giusto alla fine del processo. L'autoscatto impedisce i micromovimenti quando si preme il pulsante di scatto della fotocamera.

schema-photo-article-am-en.png

Questa configurazione è piuttosto lunga e complessa, quindi approfittane per scattare più foto dei tuoi progetti durante la stessa sessione , se la tua organizzazione lavorativa lo consente. In questo modo, puoi risparmiare tempo prezioso e rendere redditizia la tua installazione.

3. Post-produzione: assicurati la qualità e l'armonia della tua immagine con l'opera d'arte iniziale.

Una volta scattate le tue foto, trasferiscili sul tuo computer , in diverse cartelle dedicate a ciascuna delle tue opere, in modo da facilitare la selezione e il ritocco.

6038dcd1d5c096.41467245_illu2-petit.jpg

Per ritoccare e ritagliare le tue foto , ti consigliamo vivamente di utilizzare Photoshop . Tuttavia, se non hai questo software, puoi scegliere altre alternative gratuite : Gimp, Paint, Gravit.io (disponibile direttamente nel tuo browser), Pixlr (Mac) o SumoPaint .

Oltre al ritaglio, puoi anche modificare i contrasti e la luminosità su tutti questi software. Questo ti permetterà di avvicinarti all'opera d'arte iniziale, se percepisci importanti differenze tonali ad occhio nudo. Non abusare di queste modifiche , che possono far sembrare la tua immagine molto diversa dall'aspetto reale della tua realizzazione.


Speriamo che questi suggerimenti ti siano utili e ti permettano di realizzare fotografie fedeli alle sottigliezze del tuo lavoro . Se sei un artista principiante, ti consigliamo anche di leggere il nostro articolo con alcuni buoni suggerimenti per aumentare le vendite di opere d'arte online .

6038dd02ef1cd2.83970255_artmajeur-logo-ligne.png


articoli Correlati

Artmajeur

Ricevi la nostra newsletter per appassionati d'arte e collezionisti