CYBER MONDAY
Fino a -70%
Capolavori spiegati: Nighthawks di Edward Hopper

Capolavori spiegati: Nighthawks di Edward Hopper

Bastien Alleaume | 15 ott 2021 4 minuti di lettura
 

Simbolo di un'America profonda e malinconica, Nighthawks è un monumento essenziale dell'arte moderna. Ma perché è così famoso in tutto il mondo?

61695649b37521.15995873_edward-hopper-nighthawk.jpg
Edward Hopper, Nighthawks , 1942. Art Institute of Chicago.

Creato nel 1942 dall'artista americano Edward Hopper (1882-1967), questo olio su tela sboccia in dimensioni generose (33,1 x 60,0 pollici). Si tratta di uno dei pochi capolavori di fama mondiale oggetto di un'unica transazione: pochi mesi dopo la sua creazione, è stato acquistato dall'Art Institute of Chicago per la modica cifra di 3000 dollari. Da allora l'opera è rimasta in esposizione, salvo occasionali prestiti all'estero per grandi mostre.

Un artista malinconico

edward-hopper-autoportrait.jpg Edward Hopper, Autoritratto , 1925 circa. Whitney Museum, New York.

Maestro della forma e della luce, Edward Hopper è sicuramente l'artista americano più famoso del XX secolo. Acclamato per le sue scene enigmatiche, i paesaggi urbani e i personaggi silenziosi. E' IL pittore della solitudine e dell'alienazione dell'individuo nella società moderna .

Diviso tra realismo e naturalismo , i suoi dipinti illustrano l'America del primo Novecento: un'America romanzata, mistica, un'America di piccole città, lunghi viaggi e interazioni melodrammatiche.

edward-hopper-gas-1940.png
Edward Hopper, Gas , 1940. Museum of Modern Art, New York.

Le composizioni di Edward Hopper sono sempre sobrie. L'artista elimina dettagli superflui, allegorie, rifiuta il dialogo diretto con lo spettatore: con lui tutto viene suggerito, e l'alchimia con l'opera si realizza nel pensiero del contemplatore. La sua visione della vita, espressa nei suoi dipinti, è senza tempo. Al di fuori del tempo, i suoi personaggi universali raggiungono un pubblico sempre più ampio .

Il simbolo di una mitologia americana

Questo dipinto potrebbe essere stato inventato da un regista. La composizione si apre all'angolo di una strada buia e deserta. Come un acquario o una gabbia di vetro, un tipico ristorante americano (il famoso diner ) si distingue dall'oscurità circostante.

hopper-detail.png
Edward Hopper, Nighthawks (Dettagli). Istituto d'Arte di Chicago.

Chi non ha mai sognato di essere trasportato in un dipinto di Hopper? Essere teletrasportato in questa strada buia, come un passante silenzioso che contempla interazioni enigmatiche in un silenzio religioso?

Questo ristorante, chiamato Phillies come testimonia l'insegna sopra le finestre, è un rifugio per questi uccelli notturni (Nighthawks ). La scena non è una realtà materiale, non è stata dipinta sul posto come i pittori impressionisti che Edward amava. È stato creato in studio, sulla base di una miscela di immaginazione, vecchi disegni e ricordi nella mente del pittore. Il risultato di questa preziosa miscela è un cocktail di fascino melodrammatico, un invito all'analisi e alla meditazione per lo spettatore .

hopper-detail2.png
Edward Hopper, Nighthawks (dettaglio). Istituto d'Arte di Chicago.

Al centro della composizione, un uomo di spalle rafforza l' atmosfera enigmatica dell'opera: cosa ci fa qui, da solo? Gli effetti d'ombra sul suo vestito e sul suo cappello ci portano a considerare la sua oscurità interiore con più fervore. Anche se gli indizi sono scarsi, una cosa è certa: quest'uomo ha qualcosa di cui incolpare se stesso .

Attenzione ai dettagli

Se quest'opera è la più celebre dell'artista è anche grazie a una lavorazione impeccabile ea numerosi dettagli ottimamente posizionati. Diamo un'occhiata alle sottigliezze di questa composizione:

hopper-detail3.png

La prima cosa che colpisce in questo dipinto è sicuramente la parete di vetro che gerarchizza tutti gli elementi della composizione. Qui, Hopper realizza una performance pittorica rendendo visibile questa finestra all'angolo del bar, poi facendola quasi scomparire sul resto della tela , come un'illusione, lasciando spazio a un curioso spettacolo di vita notturna.

La maestria dell'artista si riflette anche nella scelta e nella collocazione dei dettagli: ognuno di essi risponde l'uno all'altro, spesso per simmetria , a volte per contrasto . Alcuni elementi lavorano in gruppo: è il caso degli sgabelli, delle vetrine (in alto a sinistra), della base della vetrina, del bar e del piccolo negozio. Altri lavorano in coppia: è il caso delle caffettiere e della coppia seduta di fronte allo spettatore, entrambe rispondenti l'una all'altra.

edward-hopper-nighthawk-entoure.jpg

Infine, non dimentichiamo che l'arte di Edward Hopper esalta la solitudine , e Nighthawks non fa eccezione. Molti elementi pittorici lavorano singolarmente: (ovviamente) l'uomo di spalle appoggiato al bancone, ma anche il cameriere con il suo bianco cappello da cuoco, il registratore di cassa visibile sul bancone del negozio vuoto, ma anche e soprattutto la porta arancione, al margine destro della composizione e in piena luce, che contrasta con l'oscurità ambientale della strada all'estrema sinistra della tela.

Come potete vedere, dietro quest'opera apparentemente sobria e patinata si cela una vera complessità e una cura dei dettagli particolarmente affascinante. Per il giornalista Gérard Guégan, "Edward Hopper è la vera America, l'America del marrone, del fulvo e del blu elettrico nella notte che preoccupa. Hopper è il pittore di un secolo che va alla deriva. Un giorno nel futuro leggeremo America attraverso di lui». .

6169626786b2b6.92684456_edward-hopper-second-story-sunlight-1960.jpg
Edward Hopper, Second Story Sunlight , 1960. Whitney Museum, New York.

La poesia e la levigatezza di questo dipinto ne fecero presto una leggenda nella storia dell'arte. Fin dalla sua creazione, molti artisti e fumettisti si sono appropriati dell'opera d'arte per scopi diversi: a volte un riferimento semplice e ben ponderato, a volte un'attenta satira dello spirito americano.

bar-de-moe-photoshop-v.jpg
Sebastien Devore, Moe's Bar, 2020. Stampe disponibili su Artmajeur .

Le immagini di Hopper sono come fotografie troncate di un'epoca lontana: finiamo per credere nella loro verità, a volte dimenticando che sono state romanzate, immaginate da un artista di raffinato talento.

articoli Correlati

Artmajeur

Ricevi la nostra newsletter per appassionati d'arte e collezionisti