Capolavori spiegati: il Bacco di Caravaggio

Capolavori spiegati: il Bacco di Caravaggio

Bastien Alleaume | 29 set 2021 6 minuti di lettura
 

Dipinto da uno dei più grandi ragazzacci della storia dell'Arte, esposto nella prestigiosa Collezione Medicea per diversi decenni, poi perduto e ritrovato in condizioni fatiscenti tra le riserve di un Museo Fiorentino. Oggi ci concentriamo sull'enigmatico dipinto di Caravaggio: Il Bacco .

Questo dipinto ad olio di 37x33 pollici (una dimensione relativamente comune per l'epoca) raffigura un giovane androgino nelle vesti del famoso Bacco . Equivalente romano di Dioniso , è il dio del vino e dell'eccesso, del piacere carnale e della stravaganza . Circondato da un drappeggio bianco che lascia intravedere un busto tanto sensuale quanto atletico, l'uomo ci porge un bicchiere di vino con la mano sinistra, e solo il nastro che circonda la sua toga, tenuto nella mano destra, ci separa dal suo completo e nudità totale.

61542e92318328.75862454_caravaggio-bacchus-1592-1597.jpg Caravaggio, Bacco , 1593 circa. Galleria degli Uffizi, Firenze (Italia).

Intorno a lui, una serie di simboli ci rimanda alla sua natura fondamentale : percepiamo prima una brocca di vino dai riflessi strani (un autoritratto nascosto?), poi un cesto di frutti, alcuni dei quali appaiono ammuffiti (ma perché?). Infine, il personaggio indossa una magnifica corona di vite in testa.

Un contesto storico singolare

Avvolti nel mistero e nell'incertezza di ogni tipo, gli specialisti hanno difficoltà a concordare l'origine di quest'opera d'arte. Si ritiene che sia stato dipinto alla fine del XVI secolo (tra il 1593 e il 1600 secondo gli esperti): è un'opera giovanile del Caravaggio (aveva tra i 22 ei 29 anni). Sebbene precoce, questo dipinto luminoso mostra già notevoli qualità tecniche.

Secondo gli specialisti, fu commissionato dal cardinale Francesco Maria del Monte , che volle offrire il dipinto a Ferdinando I de' Medici (granduca di Toscana) per un'occasione molto speciale: il matrimonio di suo figlio. La nota provenienza dell'opera attesta la sua presenza nella prestigiosa collezione medicea: questo giovane arrogante Bacco era già una star solo pochi anni dopo la sua nascita .

ferdinand-i-de-medici.jpg
Entourage di Alessandro Allori, Ferdinando I de' Medici, 1588. Galleria degli Uffizi, Firenze (Italia).

Alla morte dell'ultima erede (1743), l'illustre Collezione Medicea fu lasciata in eredità alla città di Firenze , che per l'occasione creò un museo dedicato: il Museo degli Uffizi , oggi famoso in tutto il mondo per le sue ricche gallerie. Dimenticato nei magazzini, questo giovane Bacco è stato riscoperto solo nel XX secolo da due esperti particolarmente tenaci. L'opera d'arte è stata abbandonata in uno stato deplorevole: è stata trovata sul pavimento di un magazzino buio e umido. È graffiato e completamente ingiallito, ma gli studi sono formali: è sicuramente un Caravaggio .

Oggi questo ritratto divino è uno dei dipinti più famosi del maestro italiano. È la seconda rappresentazione conosciuta di Bacco dell'artista, in quanto ne esiste un'altra - Il giovane Bacco malato - in mostra alla Galleria Borghese di Roma.

bacco-malato-caravaggio-1593.jpg
Caravaggio, Bacco giovane malato, 1593-1594. Galleria Borghese, Roma (Italia).

Perché è un capolavoro?

Oltre alle inestimabili qualità tecniche ed estetiche per l'epoca, quest'opera riunisce due elementi importanti , sia per il Caravaggio che per la Storia dell'Arte in generale:

Una natura morta

articolo-dettaglio-2.png
Caravaggio, Bacco (dettagli). Galleria degli Uffizi, Firenze (Italia).

Caravaggio fu uno dei precursori del genere. All'epoca le nature morte come le concepiamo oggi esistevano già, in particolare grazie all'opera fondamentale di Fede Galizia (una donna, sì !), ma erano così rare da non interessare proprio mecenati e collezionisti, che preferivano di più formati tradizionali: scene mitologiche o ritratti borghesi. Ecco una vera sfrontatezza dell'artista, che, con questa aggiunta estetica, getta nuova luce su questo esercizio stilistico che diventerà presto legione tra gli artisti di tutto il mondo.

fede-galizia-still-life-wga08433.jpg
Fede Galizia, Pesche in vaso di vetro con mele cotogne e cavalletta, 1610.

Un potenziale autoritratto nascosto

Per molti storici dell'arte, un autoritratto dell'artista è nascosto nel riflesso della caraffa di vino in primo piano nell'opera d'arte. È difficile da vedere ad occhio nudo: i successivi restauri non l'hanno risparmiata. Tuttavia, l'analisi ai raggi X mostra che c'è una sagoma in questo strano riflesso.

articolo-dettaglio-3.png
Caravaggio, Bacco (dettagli). Galleria degli Uffizi, Firenze (Italia).

Gli autoritratti nascosti sono una manna dal cielo per la storia dell'arte: dopo il Ritratto degli Arnolfini (1434) di Jan van Eyck e prima de Las Meninas (1656) di Diego Velasquez , questo dipinto è uno dei capolavori riconosciuti per l'originale audacia del loro autore. Infatti, prima dell'emergere dell'arte moderna, gli autoritratti erano (molto) rari: nessun mecenate desiderava acquistare il ritratto di un artista, e gli esercizi di questi pittori flirtavano pericolosamente con l' egocentrismo , in un clima in cancrena con il dogma religioso. Allora eravamo lontani da una #Selfie Generation , e se sei interessato all'argomento, sentiti libero di leggere il nostro articolo sugli 8 autoritratti più famosi della storia dell'arte .

Cura per i dettagli

Concentriamoci ora sul carattere allegorico dell'opera. Come accennato in precedenza, non si tratta di una rappresentazione diretta e inequivocabile del dio Bacco, ma piuttosto di un giovane con i suoi tratti caratteristici. Ma come possiamo determinare la differenza? Come si arriva a questa conclusione?  

articolo-dettaglio-4.png
Caravaggio, Bacco (dettagli). Galleria degli Uffizi, Firenze (Italia).

Qui, l'artista ci ha fornito diversi dettagli che suggeriscono che non è il dio stesso. Rimanete sintonizzati, è affascinante! Già possiamo osservare che sotto il drappo bianco che copre parte del giovane e la panca c'è un altro motivo: è un tessuto spento, consumato, con una riga blu. Non c'è dubbio che si tratti di un ornamento contemporaneo , che non trova posto in una rappresentazione mitologica destinata ad essere autentica.

Poi, una lettura attenta dell'opera vi farà notare che le mani dell'esteta sono sporche, le sue unghie sono scure, come se fossero terrose. Questo dettaglio è un classico simbolo dell'iconografia contadina, quando i pittori vogliono evidenziare l'origine proletaria di un protagonista. Nessun dio coltiva la terra, nemmeno il dio della vite. Nello stesso spirito, le variazioni di colori sul viso e sulle mani di questo presunto personaggio divino testimoniano la sua vera natura: gli dei non sono soggetti al rossore, queste debolezze della pelle sono riservate agli umani. Caravaggio odiava l'idealizzazione, anche quando doveva dipingere divinità.

articolo-dettaglio-1.png
Caravaggio, Bacco (dettagli). Galleria degli Uffizi, Firenze (Italia).

Un'allegoria della vita

Infine, ed è certamente questa l'informazione principale da conservare di questo dipinto: sottolinea (ancora una volta in modo sottile) il passare del tempo e l'evanescenza dei piaceri sensuali .

Alcuni frutti si mantengono faticosamente in uno stato di maturazione avanzata: vediamo in primo piano una mela bruna, accanto un melograno che scoppia, poi un'altra mela, questa volta tarlata, oltre a diverse foglie arrossate, simboli del declino del le stagioni e il ciclo della vita .

615435cb821771.47030819_article-detail-2.png
Caravaggio, Bacco (dettagli). Galleria degli Uffizi, Firenze (Italia).

Questi frutti stanchi evocano facilmente il classico mantra delle vanità: "Memento Mori" , ricordati che morirai . Caravaggio non dipinge frutti poco appetitosi per il semplice piacere di rovinare una tela che avrebbe potuto essere sontuosamente decorata con frutti colorati e succosi: ha voluto farci meditare sullo scorrere del tempo, sull'insignificanza della nostra vita di fronte al ineluttabile conto alla rovescia della vita .

Secondo il critico d'arte Alfred Moir , dobbiamo percepire una morale discreta, "perché se il ragazzo trionfa nello splendore della sua giovinezza, svanirà presto come le bollicine nella caraffa dove abbiamo appena versato il vino". L'artista ci invita a goderci la nostra giovinezza prima che tutto scompaia .

caravaggio-san-girolamo-scritto-1605-6.jpg
Caravaggio, San Girolamo che scrive , 1605 circa. Galleria Borghese, Roma (Italia).

Sottilmente ma inesorabilmente, Caravaggio ci offre uno, poi due, poi tre modi di leggere un'opera d'arte durante tutta la sua carriera. A volte queste analisi si contraddicono, a volte si completano a vicenda, ma è sempre affascinante. Tanto di cappello all'artista!

Scopri qui la nostra selezione di opere ispirate a Caravaggio .

articoli Correlati

Artmajeur

Ricevi la nostra newsletter per appassionati d'arte e collezionisti