CYBER MONDAY
Fino a -70%
8 capolavori poco conosciuti di Vincent van Gogh

8 capolavori poco conosciuti di Vincent van Gogh

Bastien Alleaume | 3 set 2021 8 minuti di lettura
 

In questo top non evocheremo la Notte Stellata , i Girasoli o gli Autoritratti di Van Gogh. Questo mostro sacro del Post-Impressionismo e della storia dell'arte in generale ha prodotto, nella sua breve carriera, una montagna di opere tanto affascinanti quanto simboliche.

Per quale stregoneria alcune opere diventano più famose di altre? Come fanno certi dipinti, dello stesso artista e della stessa epoca, a raggiungere la notorietà mondiale, mentre altri vengono dimenticati dalla maggioranza? Più semplicemente, perché alcune opere sono più conosciute di altre?

Oggi Artmajeur torna in immagini su 8 dipinti ingiustamente trascurati, ma che non hanno nulla da invidiare ai capolavori celebrati nei più grandi musei del mondo.

1. Il seminatore (dopo Millet) , Arles, giugno 1888

613220a1ad9a29.61680812_van-gogh-il-seminatore-1888-dapres-millet.jpg Il seminatore (da Millet) , Arles, giugno 1888 Otterlo, Museo Kroller-Muller (Paesi Bassi).

Van Gogh sapeva dipingere la Notte Stellata come nessun altro, lo sanno tutti. Quello che sappiamo un po' meno è che era anche molto bravo a rappresentare i Sunny Day !

Realizzata nel giugno 1888 durante il suo luminoso soggiorno ad Arles, quest'opera è una vera pepita d'oro. Ispirato da un'opera del suo modello dell'epoca, il pittore realista Jean-François Millet , questo dipinto raffigura un seminatore, al lavoro sotto il sole splendente del sud della Francia. Mentre si può facilmente intuire il dolore sul volto del contadino ritratto da Millet, non è quello che spicca di più in questa nuova versione di Van Gogh. Qui i colori cantano, il cielo li accompagna con la sua partitura più bella, ei movimenti dolorosi e ripetitivi del seminatore si trasformano in gesti sapientemente coreografati.

2. Teschio scheletro che fuma una sigaretta , 1886

van-gogh-testa-di-scheletro-con-una-sigaretta-accesa.jpg Teschio scheletro che fuma una sigaretta , 1886. Van Gogh Museum, Amsterdam.

Realizzata nel 1886 quando Van Gogh era all'Accademia di Belle Arti di Anversa, quest'opera cupa è sicuramente una delle più sorprendenti della sua carriera . A quel tempo, i disegni anatomici erano un passaggio obbligato per gli studenti d'arte. Era molto meno convenzionale dipingerli. L'aggiunta di una sigaretta tra le mandibole dello scheletro rivela l'irriverenza dell'artista verso questo classico esercizio.
Se oggi conosciamo Van Gogh per i suoi dipinti colorati e luminosi, i suoi primi lavori di carriera furono comunque segnati da una particolare oscurità , come testimonia questo scheletro che affronta senza concessioni il delicato tema della morte. A metà tra il macabro e la satira, questo memento-mori capovolto nasconde indubbiamente un'altra griglia di lettura: l'atteggiamento umano di questo scheletro testimonia una certa arroganza di fronte alla morte , come una predestinazione per un artista che, pur deceduto nel fiore degli anni vita, ha segnato la storia dell'arte grazie al suo genio creativo esacerbato dal consumo di sostanze più o meno nocive.

3. La vite rossa a Montmajour , Arles, 1888

van-gogh-la-vite-rossa-1888.jpg La vite rossa a Montmajour , Arles, 1888. Museo di Belle Arti Puskin, Mosca (Russia).

Realizzata ad Arles nel 1888, quest'opera è l'unica venduta da Van Gogh, pubblicamente e durante la sua vita. Con questa composizione Van Gogh descrive il lavoro dei contadini nelle campagne di Arles, durante il periodo del raccolto. Avant-garde , fauvista prima dell'ora, questo dipinto è una miscela di colori complementari : la luce gialla si confronta con le ombre viola e le viti rosse si oppongono alla carnagione bluastra della terra fangosa. Dal 1906, l'opera non ha mai lasciato la Russia: è esposta nell'illustre Museo Puskin di Mosca.

4. Ritratto di padre Tanguy , 1887-1888.

van-gogh-portrait-of-pere-tanguy-1887-8.jpg Ritratto di padre Tanguy , 1887-1888. Museo Rodin, Parigi.

Ma chi è questo simpatico e simpatico vecchietto, circondato da bellissime stampe giapponesi?
Padre Tanguy è amico di famosi pittori prima che diventassero famosi. Mercante di colori a Parigi negli anni dal 1860 al 1890, fu molto vicino agli impressionisti ea tutti gli artisti che lo avevano nel ventre. Nella sua bottega si susseguivano le personalità più creative dell'epoca: Van Gogh (ovviamente), ma anche Monet , Renoir , Cézanne , Toulouse-Lautrec , Pissarro o Gauguin per citarne alcuni. Molto più che un fornitore di materiali, fu anche un ammirabile collezionista e mercante d'arte , che comprese prima di chiunque altro l'enorme interesse artistico dei movimenti impressionisti e post-impressionisti. Qui Van Gogh lo rappresenta come lo vede : la sua bonarietà trascende la tela e sullo sfondo sboccia un'ampia tavolozza di colori. Infine, l'artista offre una sintesi del carattere e della funzione di questo importante amico.

5. Il tessitore davanti al suo telaio , Paesi Bassi, maggio 1884.

van-gogh-il-tessitore-1884.jpg Il tessitore davanti al suo telaio , Paesi Bassi, maggio 1884. Museum of Fine Arts, Boston (USA).

Come abbiamo visto in precedenza con l'opera Le Semeur ispirata a una tela di Millet, Van Gogh era un fervente ammiratore della corrente realista , rappresentata da artisti come Gustave Courbet , Millet o Honoré Daumier . Questo movimento artistico era caratterizzato da una ricerca della realtà , a lungo dimenticata nella pittura accademica classica e nel romanticismo, che si limitavano a descrivere scene mitologiche o religiose , in una costante ricerca della perfezione, lontana dalla realtà del tempo. Vincent Van Gogh, come i suoi modelli Courbet e Millet, testimonia i veri sentimenti per i lavoratori poveri , le persone implacabili della gente comune e i loro compiti schiaccianti. Quando realizzò quest'opera, l'artista si trovava ancora nei Paesi Bassi, nel cuore del suo " periodo oscuro " .
Ha anche completato diversi romanzi di Emile Zola , famoso scrittore noto per le sue descrizioni crude e talvolta sordide del mondo operaio di fine Ottocento (Nana, Germinal, Il bilingue ...).
I tessitori sono tra quei poveri operai, condannati alla fatica e pagati con salari irrisori. L'atmosfera generale ei colori sono cupi come la psicologia del soggetto principale, il tessitore: una perfetta osmosi tra il soggetto, la composizione, la volontà dell'artista e il suo tempo. Impressionante .

6. La Ronde des Prisonniers , Saint-Rémy, febbraio 1890.

van-gogh-il-cortile-della-prigione-1890.jpg La Ronde des Prisonniers , Saint-Rémy-de-Provence, febbraio 1890. Museo di Belle Arti Puskin, Mosca.

Prodotto mentre Van Gogh era residente in un manicomio psichiatrico a Saint-Rémy de Provence, quest'opera può essere interpretata solo dal punto di vista della sua stessa reclusione . Quando arriva a Saint-Rémy, Vincent è esausto: ha appena attraversato una grande crisi che avrà avuto la meglio su metà del suo orecchio , e gli abitanti di Arles hanno firmato una petizione per essere internato, non più tollerante delle sue sordide e ripetitive scappatelle. Questo dipinto, dipinto da un'incisione di Gustave Doré , è una delle (molto) rare scene di genere eseguite da Vincent Van Gogh.
Nonostante le linee a scatti caratteristiche del suo lavoro, l'artista ci offre anche bellissime gesta geometriche, quasi ad intensificare la sensazione claustrofobica dello spettatore . Il pavimento è rettangolare, così come le pareti, e al centro della composizione: questo giro di prigionieri a volta, con le mani dietro la schiena o in tasca, come prigionieri dei tre ufficiali riconoscibili dai loro cappelli a destra lato. Come la maggior parte dei suoi lavori, la scelta di questo soggetto non è casuale, ma le interpretazioni possono essere tanto molteplici quanto soggettive... Vincent era consapevole dell'utilità del suo internamento? Soffriva dello sguardo degli altri, della società? Si considerava vittima di una mascherata collettiva, trasferendo i suoi sentimenti attraverso i lineamenti dell'uomo al centro della tela, più alto, più dritto degli altri, che guarda lo spettatore come se fosse consapevole dell'inutilità della sua esistenza ?

7. Japonerie: Bridge in the Rain , Parigi, settembre-ottobre 1887.

van-gogh-japaneserie-bridge-under-the-rain-1887.jpg Japonerie: Bridge in the Rain , Parigi, settembre-ottobre 1887. Van Gogh Museum, Amsterdam.

Sorprendente per un dipinto di Van Gogh, vero? È a Parigi che l'artista ha realizzato questa copia di una stampa giapponese firmata Hiroshige . Questo mezzo artistico, tradizionale in Asia, fu scoperto solo molto tardi dai pittori francesi, a causa di un'intensa chiusura culturale del Giappone al resto del mondo, che terminò a metà degli anni 1850.

Come Claude Monet o Edgar Degas , Van Gogh cadde rapidamente sotto l'incantesimo dell'arte dell'Estremo Oriente. Fu suo fratello Théo, un rinomato mercante d'arte, che per primo lo affrontò con queste stampe colorate. Velocemente Vincent li raccoglierà e ne trarrà ispirazione per rinvigorire la sua tavolozza e comporre i suoi dipinti. Appassionato ammiratore, introdurrà i pezzi della sua collezione in diverse sue opere , come sullo sfondo del Ritratto di Père Tanguy o dietro il suo Autoritratto con l'orecchio tagliato .

8. Alla porta dell'eternità , Saint-Rémy-de-Provence, 1890.

van-gogh-trauernder-alter-mann.jpeg Alle porte dell'eternità , Saint-Rémy-de-Provence, 1890. Otterlo, Museo Kroller-Muller (Paesi Bassi).

Per concludere con sensibilità e poesia questa classificazione, ecco una delle opere più enigmatiche di Vincent Van Gogh . Intitolato "Alla porta dell'eternità " o " Alla soglia dell'eternità ", questo dipinto che rappresenta un vecchio a volta, la testa sepolta tra mani nervose, suona come una strana premonizione . Come la maggior parte della sua produzione artistica, questa tela affronta il tema complesso della vita , oscillando come la mente del pittore tra fragilità imbarazzante e potere dominato .

Una premonizione? Realizzata nel 1890 a Saint-Rémy-de-Provence, poco prima della morte dell'artista, il titolo di quest'opera suona come un cattivo presagio .
Durante questo periodo, Vincent Van Gogh era sull'orlo: dopo le sue molteplici crisi nel sud della Francia, si trasferì ad Auvers-sur-Oise (regione di Parigi), seguendo i consigli e le preoccupazioni del fratello Theo. È consumato. Come gli stivali e il costume del vecchio. Si sente vacillare, pronto a crollare . Come questa sedia instabile che sta per andare in frantumi, come quest'uomo anziano, sopraffatto dall'emozione, sul punto di rinunciare a tutto. L'oscurità della sua esistenza, quella della sua vita venata di eccesso e di tristezza, può ora cedere il passo alla luce che porta in sé eternamente.

van-gogh-il-granchio.jpg Vincent van Gogh, Granchio sulla schiena , 1889. Van Gogh Museum, Amsterdam.

Vincent Van Gogh ha meritato il suo posto nel pantheon delle leggende della storia dell'arte. Celebrato in tutto il mondo, il suo decadente percorso di vita oggi contribuisce alla sua immensa fama.

Scuro nella sua testa ma luminoso nei suoi dipinti, la sua vita e la sua opera ci raccontano le contraddizioni dell'esistenza : pittore di appagamento e solitudine, di nostalgia e disperazione, di vicinanza e distanza, amore e tumulto, armonia e disordine, durata e instabilità … Van Gogh amava il mondo e la vita, sebbene il suo amore rimanesse inappagato.
Soffriva a causa di questo mondo ed era lacerato da esso.
Ha creato con la sua arte un nuovo universo solo per lui, pieno di colore e movimento, che conteneva tutto ciò che sapeva dell'esistenza, senza pretese o arroganza.


"O quest'uomo impazzirà o ci lascerà molto indietro." ". Camille Pissarro.

articoli Correlati

Artmajeur

Ricevi la nostra newsletter per appassionati d'arte e collezionisti