L'uso dell'intelligenza artificiale aiuta Google a ricostruire i dipinti perduti di Gustav Klimt

L'uso dell'intelligenza artificiale aiuta Google a ricostruire i dipinti perduti di Gustav Klimt

Jean Dubreil | 13 ott 2021 2 minuti di lettura
 

Come parte di una più ampia retrospettiva online del simbolista austriaco, il progetto AI fa parte di una mostra di realtà aumentata e di saggi interattivi.


screenshot-2021-10-13-a-16-13-44.png Dr Franz Smola ed Emil Wallner al Google Arts & Culture Lab di Parigi (Francia) © Google Arts & Culture

Google Arts & Culture utilizza l'intelligenza artificiale

Una collezione di "Dipinti della Facoltà di Vienna" di Gustav Klimt fu saccheggiata dai nazisti e distrutta da un incendio durante la seconda guerra mondiale. Quando rimangono solo fotografie in bianco e nero, è impossibile sapere come i dipinti fossero originariamente colorati. Per ricreare i dipinti di Klimt, il team Arts & Culture di Google ha utilizzato l'intelligenza artificiale (AI) per ottenere la migliore stima possibile dai dati di archivio e scientifici.

Il dottor Franz Smola, curatore del Museo Belvedere di Vienna, ha dichiarato: "Il risultato è stato sorprendente, poiché siamo stati in grado di colorarlo anche in luoghi di cui non avevamo conoscenza". L'apprendimento automatico presuppone che Klimt abbia utilizzato determinati colori. Il Ministero della Pubblica Istruzione austriaco ha incaricato Klimt di dipingere i "Quadri delle Facoltà di Vienna", che raffiguravano le Facoltà di Filosofia, Medicina e Giurisprudenza dell'Università di Vienna.

screenshot-2021-10-13-a-16-13-35.png

Una sorprendente mostra online del lavoro dell'artista

Klimt ha dovuto spostare il suo studio per ospitare i dipinti, che erano alti oltre 4 metri. Li completò all'inizio del 1900. I dipinti furono infine respinti dall'università perché mostravano un mondo lacerato dal sesso, dalla morte e dal caos piuttosto che un mondo rivolto alla scienza e alla ragione. Prima che i nazisti rubassero e conservassero le opere a Schloss Immendorf nel 1938, furono vendute a privati.

Quando l'esercito tedesco fuggì, incendiò lo Schloss Immendorf l'8 maggio 1945, distruggendo i "dipinti delle facoltà" e molti altri pezzi di Klimt. Il progetto AI fa parte di Klimt vs Klimt - The Man of Contradictions, una straordinaria mostra online del lavoro dell'artista, curata da Smola e lanciata oggi.

Google Arts & Culture ha collaborato con oltre 30 istituzioni e partner per digitalizzare centinaia di opere d'arte, inclusi dipinti, disegni, lettere e altro ancora. Sono incluse centinaia di immagini ad alta risoluzione, oltre a una galleria di realtà aumentata con 63 capolavori di Klimt, come i "dipinti delle facoltà".



articoli Correlati

Artmajeur

Ricevi la nostra newsletter per appassionati d'arte e collezionisti