Pietro Uguagliati


Pittura 3 Abbonati Iscritto dal 2013

Notizie dell'artista Pietro Uguagliati

Aggiunto il 14 ott 2013
Link permanente | Commenti

CRITICAL EVALUATION BY E.MORO AND CARLO OCCHIPINTI

Sebbene sia facile individuare i riferimenti figurativi nelle opere di Pietro Uguagliati, raggiungono il limite estremo di qualsiasi atmosfera e tendenza naturalistica (attraverso l'assunzione di un'iconografia fatta di spazi aperti e orizzonti che svaniscono nel volo sempre presente di piani prospettici) a una simbologia di elementi scenici in cui cade un senso di sospensione metafisica, che sembra prestare attenzione a una coscienza disattenta con rinnovata energia. Non a caso, nelle opere di Pietro Uguagliati ogni dettaglio aneddotico o particolare è assolutamente messo da parte, al fine di significare l'immagine nella sua entità più essenziale e come presenza emblematica con un alto valore simbolico. I contenuti formali, realizzato con una grande padronanza tecnica dell'uso del colore e della luce, e i contenuti ideologici e semantici qui si fondono perfettamente in un quadro pieno di implicazioni culturali, ma anche di capacità espressiva immediata ed efficace.


E. Moro


Le immagini, che definiscono la pittura di Pietro Uguagliati e caratterizzano un certo tipo di pittura figurativa, sono ciò che deriva da una meditazione e una conseguente narrazione piena di problemi interiori, che tendono alla rappresentazione esclusiva di pensieri e visioni prese dal mondo intimo del nostro artista. Il riferimento alla realtà qui diventa un pretesto e la stessa realtà subisce una profonda trasformazione, attraverso un'elaborata sintesi mentale, formando quindi quella che sarà l'immagine autentica e definitiva dell'opera. Questo è il modo in cui le forme e gli elementi alterano il dettaglio oggettivo , riproponendolo nelle infrastrutture di una visione suggestiva. Lo stesso ritmo della composizione, segnato da luci e volumi incessanti, è una cosa sola con il colore; è suggerito da esso e si fonde con esso. Il nostro artista cerca il superamento dell'osservazione limitata, della variabilità della staticità di oggetti ed elementi, al fine di caratterizzare l'aspetto di ogni cosa; ci sono ritagli nuovi e moderni che servono a fissare visioni distanti della natura e perseguire una poesia costante, fatta di sfumature persuasive, mai dissonanti.


Carlo Occhipinti


Aggiunto il 14 ott 2013
Link permanente | Commenti

AWARDS

Pietro Uguagliati è un artista poliedrico che ha ricevuto il Trofeo Biennale di Venezia, Excelsior Hotel, Lido di Venezia per la sua attività artistica e organizzativa. Pittore, scultore e artista grafico, è il fondatore del portale d'arte Globe Arts International.

Pietro Uguagliati vive e lavora a Padova.
Ha tenuto e preso parte a numerose mostre personali e collettive, sia in Italia che all'estero.


Tra le più recenti citiamo:

Mostre personali a Venezia, Padova, Treviso, Belluno, Bologna;
Mostre personali a Brunnen e Zurigo in Svizzera;
Mostra del Centenario di Garibaldi - Italia;
Incontro "Amici dell'Arte e del Pattino" - Italia;
1980 - “Basile - Uguagliati” - Centro culturale - Brunnen, Zurigo, Svizzera;
1984 - “Art Triveneta” - Villa Contarini - Piazzola sul Brenta, Padova, Italia;
1984 - "Collezionismo di artisti" - Centro culturale - Padova, Italia;
1985 - “La musa del ghetto” - Centro culturale - Padova, Italia;
1985 - “Castles Walled Towns of Veneto” - Veneto, Italia;
1985 - “Incontro di amici e pittori” - Padova, Italia;
1985 - "La Lizza d'Oro" - Marina di Carrara, Italia;
1986 - "Confronti" - Villa Contarini Simens - Piazzola sul Brenta, Padova, Italia;
1986 - “Meeting Amici dell'Arte e del Pattino” - Marina di Carrara, Italia;
1987 - "Mostra personale a Villa Valmarana" - Villa Valmarana - Vicenza, Italia;
1988 - "Confronti" - Villa Contarini Simens - Piazzola sul Brenta, Padova, Italia;
1988 - "CaminArt" - Centro Culturale - Camin, Padova, Italia;
1988 - “Friends in Art” - Centro culturale - Camin, Padova, Italia;
1988 - “Arts Women” - Centro culturale - Camin, Padova, Italia;
1988 - “Pittori italiani contemporanei” - Centro culturale - Camin, Padova, Italia;
1988 - "Figure nell'arte" - Centro culturale - Camin, Padova, Italia;
1988 - "Carnevale di Venezia" - Centro culturale - Camin, Padova, Italia;
1988 - "Animali nell'arte" - Centro culturale - Camin, Padova, Italia;
1988 - "Conosci i grandi artisti veneti" - Centro culturale - Camin, Padova, Italia;
1988 - "La Donna nell'Arte" - Centro culturale - Ponte San Nicolò, Padova, Italia;
1989 - "Pittori" - Centro culturale - Camin , Padova, Italia;
1989 - “The Landscapers” House of Art - Mestrino, Padova, Italia;
1990 - “Painters” - Centro culturale - Cida Ar t Edizioni Roma, Italia,
1994 - “Arte e segno” - Centro culturale - Padova, Italia;
2004 - "North-East The State of Contemporary Art" - Palazzo Papafava di Carraresi - Padova, Italia;
2005 - “Art Fair of Padova” - Stand Globe-Arts - Padova, Italia;
2014 - Galleria d'arte “Basile - Uguagliati” Dino Piccolo - S.Rita, Padova, Italia.
Tra quelli collettivi e le competizioni ricordiamo quelle tenute a Venezia, Padova, Sottomarina;
Polpet e il Kunst internazionale in Svizzera;
Nomina per Accademico del Tevere e Membro dell'Unione Legione d'Oro;
Certificato di stima della North West University di Londra;
Diploma di stima del sindaco della città di Ponte San Nicolo, Padova, Italia;
Partecipazione alla 2a Edizione del Giubileo Internazionale della Pace, Roma, Italia;
Nomina per Accademico al merito, "Il mondo di Jnana Sadhar", India;


Tra i premi:
- Premio Città di Milano, Milano, Italia;
- Cenacolo della Simpatia, Roma, Italia;
- Premio Anno Santo 1983 - Italia;
- Catalogo di arte sacra "Viva" - Italia;
- Premio Golden Target 1984 - Italia;
- Premio Golden Target - "Gran Premio Belle Arti" - Italia;
- I ° Premio Nazionale - "Mostra del Centenario" - Giuseppe Garibaldi - Camera dei Deputati - Roma, Italia;
- Premio Campidoglio - Roma , Italia;
- Premio "La Lizza d'Oro" 1984, Italia;
- "Arte Sacra" - Riconoscimento al merito - Roma, Italia;
- "Arte Sacra" - Campidoglio - Roma, Italia;
- Antologia "Panorama Poetico Oggi" - Italia;
- Premio Culturale "Hermes" - Italia;
- Riconoscimento al merito - "Enciclopedia Mondiale degli Artisti Contemporanei" - Italia;
- Premio culturale "I Maestri del Colore" - Roma, Italia:
- Premio Internazionale per la Pace-Campidoglio 1985 - Roma, Italia;
- Riconoscimento al merito "Giubileo Internazionale della Pace "- Campidoglio, Roma, Italia
- 1986 - Premio Golden Target - Italia:
- Prize Polpet "A.Boito" - Italia:
- Premio "I ° Concorso Nazionale di Pittura, Grafica e Scultura" - Italia;
- Premio "Nello Beghin" - Italia;
- Premio "A Silent World Fellowship of Culture, Wisdom & Unity" - India;
- Gran Premio di Belle Arti - State Art Manifestation, con la collaborazione di Fabbri Publishers;
- Golden Target of the Prize "Portus Veneris - L'Arte Italiana" Città di Porto Venere - La Spezia, Italia;
- 5 ° Premio letterario artistico "La Lizza d'Oro" - Marina di Carrara, Italia;
- Premio “Leone d'oro” - Biennale d'Arte di Venezia, Excelsior Hotel, Il Lido, Italia;
- Riconoscimento al merito "Cenacolo della simpatia" - Il Corriere Laziale - Italia;
- Riconoscimento al merito "Collettiva di Artisti locali" - Padova, Italia;
- Riconoscimento al merito III * Edizione "La Lizza d'Oro";
- Biennale d'Arte di La Spezia, Italia;
- Golden Target "I Maestri del colore - Grandi Artisti dal '47 all '87", Italia;

Quotidiani hanno scritto su di lui:
- II Corriere Laziale;
- La Notte;
- Corriere di Roma;
- II Pattino;
- 1 Poeti del Club;
- II Gazzettino;
- II Pattino n ° 8;

È citato in diverse pubblicazioni e cataloghi d'arte:
- 300 Consigli utili per II collezionista;
- L'Elite Italian ArtEdition 1984;
- Enciclopedia mondiale degli artisti contemporanei;
- Comanducci;
- Catalogo Biennale dell'Arte;
- Catalogo internazionale di artisti contemporanei "La Bitta";
- Dizionario illustrato di maestri d'arte contemporanea 1984-85;
- Un Anno d'Arte - Fabbri Editori Comanducci
- Annuario n ° 12; Selezione italiana di arte L'Elite 1956;
- Catalogo generale del premio FineArts 1986;
- Editori Fabbri - Guida alla raccolta di Carlo Occhipinti;
- "I Maestri del Colore - Grandi Artisti dal 47 all'87";
- Annuario Corned 1988;
- Mostra collettiva a Castelfranco Veneto;
- "I Paesaggisti Veneti" di Paolo Rizzi;
- Catalogo Internazionale di Arte Moderna MDS n. 4;
- Edizioni Cida Art Roma;
- Censimento Artisti Triveneti 88 - Arte Triveneta;
- I Quadrato, Arterama;
- I Pittori del Novecento - Le Firme;
- Enciclopedia dell'Arte - Lombardia Art.

Mario De Luigi, lo scultore Massimo Facchin, il pittore Bruno Milano, E. Moro, Carlo Occhipinti e altri esperti di cultura dell'arte hanno parlato e scritto delle sue opere.


Aggiunto il 14 ott 2013
Link permanente | Commenti

CRITICAL TESTIMONIES

Il fantastico realismo nella visione artistica di Pietro Uguagliati. Il lirismo descrittivo dell'opera pittorica di Pietro Uguagliati proviene da un'esperienza vitale; cade sull'interiorizzazione, l'invisibilità, la non apparenza e si sforza di catturare il respiro cosmico oltre il limite visivo dell'occhio. Il paesaggio è visto, nelle sue opere, come un'oasi di pace, come l'emozione più incinta si esprime nel desiderio  di vivere allegramente, secondo quella dimensione ancora umana che andrà persa per la fretta e le problematiche  implicazioni della nostra giorni. Nessuno scopo didattico interferisce con il comportamento contemplativo sperimentato dall'artista e la sua realizzazione in una forma visiva. La freschezza con cui l'osservazione della realtà si traduce in una poesia libera da  idee intellettuali preconcette è davvero preziosa. Ai bisogni realistici, necessari per un simile processo, l'artista aggiunge  lo stupore con cui osserva certe abitudini particolari, cambiando ciò che potrebbe apparire una notizia in rivelazione.

Da qui deriva un dipinto la cui adesione alla verità assume il colore di un vago senso di favoloso. È un dato di fatto, questa condizione è adatta al suo mondo estatico e innocente che, nella suggestiva purezza del paesaggio, corre lungo le strade di un'ispirazione che è libera da fattori intellettuali. Tuttavia, questo suo candore si trova in una peculiare padronanza della prospettiva che mostra come il nostro artista è in grado di fondere l'ingenuità del suo istinto con l'abilità di una tecnica moderna. In questo senso, in tutta la produzione di Pietro Uguagliati l'elemento estetico diventa il supporto del comportamento che assume di fronte alla natura come uno specchio sincero di emozioni semplici e quindi più autentico.

I risultati figurativi non superano il valore oggettivo dell'immagine; l'emozione mostra la sua presenza in un impasto cromatico discretamente sensuale e nella plasticità epidermica delle superfici, che danno vita ad entusiasmanti operazioni visive.


F.O.


Aggiunto il 14 ott 2013
Link permanente | Commenti

CRITICAL EVALUATION BY PAOLO RIZZI

Cinque anni fa, la mia attenzione è stata attratta da un dipinto: "Un'ampia banchina di San Marco con l'isola di San Giorgio". Era un'immagine  schematica, ma anche di innegabile suggestione spaziale, con onde a serpentina di un colore nero lampeggiante. Da allora Pietro Uguagliati ha migliorato la sua tecnica, secondo il suo peculiare uso del disegno in prospettiva. Ora  sto guardando un altro dipinto: un ampio paesaggio segnato da strisce orizzontali. Il tratto del pennello è più fluido,  conciso, di una sostanza leggera. Ciò che attira lo sguardo è il cielo nuvoloso: sembra che sia in movimento, in subbuglio, con una  forza che definisce l'arte simbolista-espressionista, Il soggetto delle nuvole ha ispirato molti artisti e  tra questi veneziani, soprattutto Guglielrno Ciardi. Quindi, guardando gli esempi del passato, Uguagliati  mi  ha dato  l'impressione che stia tentando una forma moderna leggera, eterea, estremamente mutevole. Il dipinto ha un suo  suggerimento. Anche guardando l'altra recente produzione artistica di questo pittore padovano, devo ammettere  che ha una coerenza innegabile tecnica. La base è resa con un'immediatezza senza trucchi, ma è  acerba e quasi verginale. Il tratto del pennello è leggero, immediato, spontaneo; il colore cambia da toni aspri, nonostante chiari, a certe miscele di azzurro e rosa; l'immagine sembra prendere forma senza sforzo, con una specie  di felicità naturale. Uguagliati è un pittore autodidatta: non vuole cadere in trucchi culturali o letterari del  mestiere. Dipinge in purezza. Ad esempio, "I Colli Euganei dopo la tempesta": è un dipinto di rifrazioni ben illuminate  su vapori azzurri, come un'apparizione catturata nel suo essere un fenomeno. C'è una sensazione di leggerezza, un desiderio di  spazi chiari e cieli aperti. Sulla base di questi buoni risultati è probabile che Uguagliati sarà in grado di affinare  sempre più la  sua  delicatezza. In un altro dipinto ci sono alcuni cavalli grigi che galoppano verso terre lontane. Ora li seguo  con gli occhi mentre l'attenzione diventa sempre più luminosa. È importante per lui, così  come per ogni pittore, l'espressione conciliare con il suo istinto interiore, o meglio, con il desiderio di una luce che brilla  ovunque.


Dicembre 1989 Paolo Rizzi


Pittori paesaggisti veneziani.
Tre fasce colorate orizzontali, variamente chiazzate di luce: questo è il paesaggio di Pietro Uguagliati. Una sintesi; poi anche uno stato d'animo. L'inclinazione per la purezza è evidente, vieni in un processo di sublimazione "alla Mondrian". Puoi sentire il suo bisogno di ordine: un ordine fisico e anche mentale. Ciò che attira l'attenzione è la giusta fusione tra le tre bande; laggiù c'è il violento giallo, intriso di luce alla maniera di Van Gogh; al centro c'è la vibrazione oscura di alberi verdi; poi il cielo, limpido e calmo, fatto di una profondità leggera, evidentemente il nostro pittore è un maestro dei suoi mezzi. Li usa secondo ciò che la sua percezione del fatto naturale impone. La luce bianca di una casetta fa capolino a sinistra, come nella linea di partenza di una poesia.


Paolo Rizzi


Aggiunto il 14 ott 2013
Link permanente | Commenti

CRITICAL EVALUATION BY LAURA SESLER

Pietro Uguagliati è un pittore autodidatta padovano, che ha lavorato per circa vent'anni occupandosi di argomenti diversi, che ha lavorato da paesaggi collinari a paesaggi marini, da natura morte a vedute, una serie di tele ispirate alla corrida e ai toreri. 

Nella sua pittura ad olio ha spesso suggerito soggetti della campagna veneta, resi da tocchi ben colorati del pennello, che definiscono la struttura, descrivendo l'ambiente nelle diverse stagioni. Le figure umane compaiono raramente in questi dipinti, perché l'attenzione dell'autore è soprattutto centrata sulla natura, vista come uno spettacolo piacevole e mutevole. Nei suoi ultimi dipinti, Uguagliati ha cambiato argomento, procedendo dalla rappresentazione dei campi nella luce rossastra dell'alba e il movimento dell'acqua della laguna al tramonto, alla rappresentazione di particolari fenomeni atmosferici, come la condensazione di nuvole spesse sulle colline per la tempesta in AVVICINAMENTO e il rapido movimento del nuvole trasportate dal vento in un cielo primaverile. Uscendo da un linguaggio Semplicemente illustrativo, Uguagliati sta ora fondando la SUA ricerca sul colore, Che è considerato un Elemento emotivo Costruttivo e significativo e talvolta VIENE utilizzato per il contrasto del Tono.

L'autore si esprime anche con il disegno di un carboncino con il quale ha dipinto alcuni soggetti sacri, delineati con una pienezza di ritmi e una linea volumetrica  ferma  nelle figure, come se volesse enfatizzare la solidità della nostra Fede.


Laura Sesler


Aggiunto il 14 ott 2013
Link permanente | Commenti

EXHIBITIONS

He is mentioned in several publications and Art catalogues: 300 Consigli utili per II collezionista; L'Elite Italian Art Edition 1984; Mondial Encyclopaedia of Contemporary Artists; Comanducci; Catalogue Biennial of Art; International Catalogue of Contemporary Artists "La Bitta'; Big illustrated Dictionary of Contemporary Art Masters 1984-85; Un Anno d'Arte. Fabbri Publishers Comanducci Year-book n° 12: L'ELte Italian Art Selection 1956; General Catalogue of Fine Arts Prize 1986. Fabbri Publishers. Guide to Collectioning by Carlo Occhipinti; "I Maestri del Colore - Grandi Artisti dal 47 all'87'; Corned Year-book 1988 - Collective Exhibition in Castelfranco Veneto. "I Paesaggisti Veneti” by Paolo Rizzi, International Catalogue of Modern Art M.D.S. n. 4 - Cida Art Editions Rome, Artisti Triveneti 88 Census - Arte Triveneta; I Quadrato, Arterama; I Pittori del Novecento. Le Firme, Encyclopaedia of Art, Lombardia Art. Mario De Luigi, the sculptor Massimo Facchin, the painter Bruno Milano, E. Moro, Carlo Occhipinti and other art culture experts have talked and written about his works.


Aggiunto il 14 ott 2013
Link permanente | Commenti

INTRODUCTION

Nei dipinti di Pietro Uguagliati possiamo sentire il battito del cuore dell'artista.
Esiste sempre, nel fantastico mondo dell'arte, un "gruppo" libero di uomini sublimi che si elevano sopra gli altri  con maestà; è un gruppo di uomini che hanno fatto dell'arte il loro scopo principale e inconfutabile di una vita (arte e vita contemplano  e si completano, potremmo dire). Tuttavia l'arte non è solo il loro scopo, ma anche il respiro delle loro anime. Sono  i pilastri di quell'Amore, di quella Passione che ha reso e reso grandi (e in grandezza non sono diventati orgogliosi)  i migliori figli della nostra, l'infelice, Italia. Sono stati in grado di passare attraverso il filtro della critica spietata e lo hanno fatto  non si lamentano, ma sono stati in grado di superare ogni difficoltà e quindi vincere. Hanno cercato il sacrificio, non la gloria; la loro gloria era l'espressione del loro incontro incontrollabile amore per le belle arti. Potremmo anche dire che  hanno "lavorato" e stanno bene.

Nell'arte contemporanea, quanti sono davvero dei grandi artisti? Quanti di loro sono davvero e spassionatamente impegnati   nell'arte e nel cuore? L'hobbistica è di moda e alcuni artisti, aiutati dai "mezzi", dal potenziale profitto, dalla loro capacità   di entrare "ovunque", hanno bruciato le loro barche (o lo credono), mettendosi di fronte ad altre persone,   sostenendo un ' arte quell'arte non lo è. E un appuntamento di Fatto, visitare ALCUNE gallerie Sarà SUFFICIENTE .. Ora ABBIAMO un artista Venuto Pietro Uguagliati Che ESCE da (ALCUNI) contemporanei, Che Rivela un Valore autentico, Che schiaccia OGNI blandimento e OGNI affermazione per imporre il Suo tratto di pennello, il suo approccio efficace. È un artista che può dire di fronte al mondo circostante: "Mi sono inchinato! Sono stato in grado di onorare la pittura e l'arte nazionale e internazionale".

Pietro Uguagliati è un nome, un "marchio" di garanzia, in cui l'arte reale e tipica continua a esistere, per suscitare sorpresa e delizia nel cuore umano. È un pittore che è legato al passato con un tocco moderno del pennello. Passato e presente impostato un paio di bellezze ed esaustiva la maturità ideale di formazione nello splendore, nella chiarezza e nell'està.

Le sue tele restano meraviglie dettagliate di visioni, di particolari stati d'animo, dei sentimenti profondi nutritivi per un lungo periodo di tempo,  con colori affascinanti, pieni di dolcezza e attenzione perfetta. Si può sentire il battito del cuore dell'artista: tra alberi, viali, canali d'acqua, nei bacini della Serenissima, tra  gondole che vanno in silenzio o aspettano le coppie innamorate alle banchine. La sua pittura è tutta poesia, una delizia per l' anima  affascinata, che è legata al naturale ed  bellezze esclusive della Laguna, dei Dogi. Ci sono visioni immortalate, dialoghi silenziosi tra cuore e mare, tra aspirazioni e realizzazioni positive di grazia, prestigio, sicura  azione mistica  fervida, per tutto ciò che passa attraverso il suo buon cuore; un cuore che è tranquillo, risoluto, pronto, pieno di innato senso di  ispirazioni immortali, di venerazione per un'arte che spiega senza sforzo e proviene dal suo cuore da    
vent'anni. Non è solo "cervello": c'è di più. È istinto e talento, tipico di Pietro Uguagliati.

La sua pittura è un canto di gioia, è la poesia, un coro di alleluia per tutta la natura, la più bella o la più umile, la più romantica e sensibile. Prima si assimila, prende dalle visioni, quindi dipinge la sua tela con la realtà, ma (come abbiamo detto) con un moderno tratto del pennello. E queste sono tutte emozioni che Uguagliati sente e traspone rapidamente sulla sua tela  con una mano tenera, con rispetto, con la sincerità di un artista. Anche con vivacità, con audace certezza.

Paesaggi, nature morte, fiori proclamano una disposizione ben definita e ben fatta, sia nel disegno che nell'armonia del movimento. Pietro Uguagliati è un pittore di oggi, che è passato e proietta splendori e valori duraturi  nel futuro. È un pittore dell'Italia di oggi e di domani; è un artista della Nuova Europa, che merita applausi e apprezzamenti più lusinghieri.

Roma: 23 marzo 1990.      
Remo Alessandro Piperno


Aggiunto il 14 ott 2013
Link permanente | Commenti

BIOGRAPHY

Pietro Uguagliati è nato a Padova il 26 novembre 1945. Vive e lavora a Padova. Si avvicina alla pittura come  pittore autodidatta, tendendo al moderno stile figurativo, realizzato con tecniche come: olio, carbone e  porcellana. Ha tenuto e preso parte a numerose mostre personali e collettive, sia in Italia che all'estero. Tra le più  recenti citiamo: mostre personali a Venezia, Padova, Belluno, Bologna; e all'estero a Brunnen e Zurigo in  Svizzera. Mostra del Centenario di Garibaldi, Incontro "Amici dell'Arte e del Pattino"; 1986 - "Confronti" .Villa Contarini  Simes; 1987 - mostra personale a "Villa Valmarana"; 1988 - "Confronti". Villa Contarini. Tra quelli collettivi e  le competizioni che ricordiamo quelle tenute a Venezia, Padova, Sottomarina, Polpet e il Kunst internazionale in Svizzera. 

Ha partecipato a diverse recensioni, vincendo premi e riconoscimenti: nomination per Accademico del Tevere e Membro dell'Unione Legion d'Oro; Certificato di stima della North West University di Londra; Diploma di stima del Sindaco della Città di Ponte San Nicolo; Partecipazione alla 2a edizione del Giubileo internazionale della pace, Roma; Nomina per Accademico al merito, "Il mondo di Jnana Sadhar", India. Tra i premi: Premio Città di Milano, Cenacolo della Simpatia; Premio Anno Santo 1983. Catalogo di arte sacra "Viva"; Premio GoldenTarget 1984; Premio in Campidoglio; Premio "La Lizza d'Oro" 1984-Antologia "Panorama Poetico Oggi"; Premio  Culturale  "Hermes"; Premio Internazionale per la Pace Campidoglio 1985; 1986-Golden Target - Gran Premio delle Belle Arti - Manifestazione  d'arte statale  , con la collaborazione degli editori Fabbri; Bersaglio d'Oro del Premio "Portus Veneris - L'Arte Italiana" Città di Porto Venere. La Spezia; 5 ° Premio Letterario artistico "La Lizza d'Oro", Marina di Carrara; Biennale d'Arte di Venezia, Hotel Excelsior, Il Lido; Biennale d'Arte della Spezia; Target d'oro "I Maestri del colore - Grandi Artisti dal '47 all '87".  Quotidiani hanno scritto su di lui: II Corriere Laziale; La Notte; Corriere di Roma; II Pattino -1 Poeti del Club; II Gazzettino; II Pattino n ° 8.