CYBER MONDAY
Fino a -70%
I 13 imperdibili artisti dell'impressionismo

I 13 imperdibili artisti dell'impressionismo

Bastien Alleaume | 27 ago 2021 17 minuti di lettura
 

Senza di loro, l'impressionismo non sarebbe mai esistito. Con loro, l'arte classica ha preso una svolta inaspettata. Artmajeur ritorna in immagini su 13 pittori che hanno segnato la storia dell'arte con la linea palpitante del loro pennello.

Alcuni ti saranno familiari, altri sconosciuti, eppure tutti hanno giocato un ruolo fondamentale nell'emergere del movimento artistico più famoso degli ultimi due secoli: Benvenuti all'ultimo articolo della nostra saga impressionista ( EP1 , EP2 ).

1. Claude Monet, la leggenda

Claude Monet (1840 - 1926) è la superstar dell'impressionismo . Come mai ? Certamente perché era il più produttivo , il più estroverso (conosceva tutti) , il più stimolante e il più ispirato . La sua opera proteiforme è senza dubbio la più rappresentativa del movimento. Corrisponde agli standard dell'impressionismo come li vediamo oggi: rottura con l'accademismo, apprensione soggettiva del soggetto, pittura all'aperto, uso di colori vivaci, diluizione di forme e contorni ...

Auguste Renoir, Ritratto di Claude Monet , 1875. Musée d'Orsay, Parigi.

Questo artista di origine normanna ha tutte le carte in regola, ed è grazie a uno dei suoi dipinti più famosi, Impression, Soleil Levant , che l'Impressionismo è chiamato Impressionismo . Présenté lors de leur première exposition commune en 1874, ce tableau inspira un critique d'art célèbre, qui se servit du terme « Impression » pour regrouper sous une même bannière un groupe d'artistes (et d'amis) pratiquant cette nouvelle manière de pitturare.

Claude Monet, Impressione, Soleil Levant , 1872-73. Museo Marmottan Monet, Parigi.

  • Situazione finanziaria : Povero all'inizio della sua carriera, è stato sostenuto dai suoi amici (Bazille, Manet, Caillebotte), alcuni rari collezionisti (Charles Ephrussi, Victor Chocquet, Ernest Hoschedé ...) e mercanti d'arte (Durand-Ruel, il padre Tanguy).

  • Temi preferiti : paesaggi , elementi naturali (in particolare ninfee ), monumenti, scene all'aperto, ritratti .

  • Parenti stretti : Auguste Renoir (con il quale dipinse regolarmente sulle rive della Senna), Frédéric Bazille (che lo aiutò finanziariamente e gli prestò il suo studio), Camille Pissarro (con il quale si rifugiò a Londra per sfuggire alle devastazioni della guerra Franco -prussiano), Alfred Sisley (con il quale cena regolarmente), Eugène Boudin (suo mentore normanno), Gustave Caillebotte, Paul Cézanne, Durand-Ruel (il mercante che si fidava di lui), Edouard Manet (il cui ardore rivoluzionario l'ha ispirato molto ), Berthe Morisot, Emile Zola...

  • Luogo di pellegrinaggio : La sua casa (molto) fiorita a Giverny, in Normandia ; il Musée d'Orsay, il Musée Marmottan-Monet e il Musée de l'Orangerie che ospita le sue più belle variazioni di ninfee (Parigi).

  • Citazione : “ Il motivo è qualcosa di secondario, quello che voglio riprodurre è ciò che c'è tra il motivo e me. "


Claude Monet, Ninfee e ponte giapponese , 1899. Philadelphia Museum of Art.  

2. Auguste Renoir, l'amico intimo

Auguste Renoir (1841 - 1919) è, insieme a Monet, Bazille e Sisley, uno dei padri fondatori dell'Impressionismo. Incontra i suoi compagni nello studio dell'esigente Charles Gleyre, che lasceranno insieme, di comune accordo, per sperimentare la pittura all'aperto sulle rive della Senna o nella foresta di Fontainebleau. Sotto l'influenza di Monet, imparò a rendere gli effetti della luce , una tecnica che lo avrebbe reso famoso nel mondo, in particolare grazie al capolavoro Le Bal du Moulin de la Galette , prodotto nel 1876 e acquistato dal suo amico e mecenate. , Gustave Caillebotte. Nella sua carriera di 60 anni, ha prodotto più di 4.000 opere (più delle opere di Manet, Cézanne e Degas messe insieme), mantenendo sempre il suo stile originale e scintillante.

Frédéric Bazille, Ritratto di Auguste Renoir , 1867. Musée d'Orsay, Parigi.

  • Situazione finanziaria : Proveniente da una famiglia relativamente povera, ha vissuto in povertà all'inizio della sua carriera. A soli 13 anni, il suo talento come designer di porcellane gli ha permesso di soddisfare le sue esigenze .

  • Temi preferiti : ritratti, scene di interni, paesaggi, nudi, marine, nature morte e dipinti di genere.
  • Parenti stretti : Claude Monet, Edouard Manet, Frédéric Bazille, Camille Pissarro, Alfred Sisley, Edgar Degas, Berthe Morisot, Gustave Caillebotte, Paul Cézanne, Durand-Ruel, Ambroise Vollard.

  • Luogo di pellegrinaggio : Museo Renoir a Cagnes-sur-Mer , Museo d'Orsay, casa e laboratorio Renoir a Essoyes .

  • Citazione : “ Una mattina uno di noi ha finito il nero. Usò il blu: nacque l'impressionismo. "

Auguste Renoir, Le Bal du Moulin de la Galette , 1876. Musée d'Orsay, Parigi.

3. Edgar Degas, il misantropo amichevole

Edgar Degas (1834 - 1917) è la figura più controversa dell'impressionismo. Uomo di contraddizioni, si dice di lui che odiasse i fiori, gli animali, le donne, i bambini e anche gli ebrei. Austero, elitario, antipatico, misogino Fu comunque apprezzato da molti suoi contemporanei. Tra i suoi (molto) tanti amici, ci sorprende anche trovare tutte le donne dell'impressionismo: Berthe Morisot , Mary Cassatt e Marie Bracquemond .

Edgar Degas, Autoritratto , 1855-1856 circa. Metropolitan Museum of Art (New York).

Il suo temperamento contraddittorio si esprimeva anche nella sua pratica artistica: sebbene attaccato all'impressionismo (nonostante lui), Degas, come il suo amico Manet, testimonia tuttavia una vera volontà classica . A differenza di Monet o Renoir, la sua ambizione non è rivoluzionare il mondo dell'arte, ma integrarvisi come meglio può. Preferirà sempre il disegno al colore e non soccomberà mai alle tentazioni della pittura all'aperto, che detesta con veemenza. Fu anche un collezionista appassionato e affascinante : da Delacroix a Ingres , passando per Manet , Gauguin , Cézanne , e qualche Van Gogh , era ovviamente un uomo di gusto.

Molto amico della maggior parte degli impressionisti, ha organizzato e partecipato alla maggior parte delle mostre collettive . Quando scoppia la vicenda Dreyfus , rivela un antisemitismo disinibito: Edgar Degas non era un bravo ragazzo , e i suoi vecchi amici Monet, Sisley e Pissarro prendono le distanze da questo personaggio tanto intransigente quanto intollerante.

Edgar Degas, La classe de danse , 1874. Musée d'Orsay, Parigi.

  • Situazione finanziaria : Sostenuto dal patrimonio di famiglia, collezionista.

  • Temi preferiti : scene di interni (ballerini, bagnanti, orchestre), scene di corse di cavalli, ritratti.
  • Parenti stretti : Edouard Manet, Berthe Morisot, Mary Cassatt, Marie Bracquemond, Gustave Caillebotte, Durand-Ruel, Ambroise Vollard, Auguste Renoir, Paul Gauguin (irascibile e tossico, proprio come lui). Dopo l'affare Dreyfus, Degas romperà con i suoi vecchi amici Monet, Sisley e Pissarro.

  • Luogo di pellegrinaggio : Musée d'Orsay, Parigi.

  • Citazioni : “Non significa niente, impressionismo. Ogni artista coscienzioso ha sempre tradotto le sue impressioni”. “La tua pittura (accademica) è un oggetto di lusso, il nostro è un oggetto essenziale. " .

Edgar Degas, In un caffè (L'Assenzio) , 1875-76. Museo d'Orsay, Parigi.

4. Berthe Morisot, l'indipendente

Berthe Morisot (1841 - 1895) è LA grande signora dell'impressionismo . Era in tutte le mostre, in tutti gli eventi e in tutte le relazioni. Ammirata e rispettata dai suoi compagni, non fu l'unica donna nell'impressionismo, ma fu senza dubbio la più importante .

Edouard Manet, Berthe Morisot au bouquet de violettes , 1872. Musée d'Orsay, Parigi.

Sposata con il fratello di Edouard Manet e molto legata all'artista, seguirà la sua scia fino alla sua morte nel 1863, dove inizierà ad affermare la sua indipendenza e il suo stile unico e originale . Durante la sua carriera, ha diretto principalmente solo scene di interni , perché all'epoca le donne non potevano uscire senza essere accompagnate. Non era quindi possibile per loro passeggiare per ore all'aria aperta davanti a un cavalletto (ed è un peccato!) .

Berthe Morisot, Donna al suo bagno , 1875. Art Institute of Chicago.

  • Situazione finanziaria : Proveniente da una famiglia borghese, il suo matrimonio con Eugène Manet le assicurò un'esistenza pacifica fino alla fine della sua vita.

  • Temi preferiti : scene d'interni (quasi d'obbligo per una donna all'epoca) , scene di maternità, scene di intimità femminile, nudi, ritratti, paesaggi (rari).

  • Parenti stretti : Edouard Manet (suo cognato), Edgar Degas, Claude Monet, Auguste Renoir, Camille Pissarro, Alfred Sisley, Gustave Caillebotte, Mary Cassatt, Durand-Ruel.

  • Luogo di pellegrinaggio : Musée d'Orsay e Musée Marmottan-Monet (Parigi), National Gallery of Art (Washington), Art Institute of Chicago.

  • Citazione : "Non credo che ci sia mai stato un uomo che trattasse una donna da pari a pari, e questo è tutto ciò che avrei chiesto, perché so di valerli." "

Berthe Morisot, Le Berceau , 1872. Musée d'Orsay, Parigi.

5. Camille Pissarro, il maggiore

All'interno del gruppo impressionista, Camille Pissarro (1830 - 1903) era il decano. Amico di tutti, fu anche maestro di due celebri Paul Gauguin e Cézanne. Molto investito nell'epopea impressionista, è l'unico ad aver partecipato a tutte le loro mostre (otto in totale). La sua età avanzata non lo rendeva il più conservatore, anzi. Camille Pissarro era un uomo di esperienza in tutti i sensi. Aveva un solido background artistico, ma era anche appassionato di nuove esperienze. Quando apparvero le prime opere divisioniste ( Georges Seurat , Paul Signac ) che gelarono il sangue della maggioranza degli impressionisti, Pissarro ne rimase completamente affascinato, al punto che lo provò lui stesso.

Camille Pissarro, Autoritratto , 1873. Museo d'Orsay, Parigi.

Amico sincero, sempre di buon consiglio, Pissarro era consapevole che il suo lavoro non avrebbe mai segnato gli animi tanto quanto quello dei suoi compagni Monet, Renoir o Degas. Pochi anni prima della sua morte, ha anche espresso " Io resto, con Sisley, come una coda dell'impressionismo". » (1895). Anarchico nel cuore, le sue amicizie con Renoir e Degas (apertamente antisemita) andarono in frantumi quando scoppiò l'affare Dreyfus nel 1894.

Camille Pissarro, La Place du Havre, Effetto pioggia , 1897. Collezione privata.

  • Situazione finanziaria : Abbandonato dalla sua famiglia in seguito al matrimonio con una domestica, sarà in grande difficoltà quasi fino alla fine della sua vita , e sarà regolarmente aiutato e ospitato dai suoi amici (in particolare Caillebotte e Monet).

  • Temi preferiti : paesaggi, monumenti parigini, nature morte.

  • Parenti stretti : Claude Monet, Auguste Renoir (prima dell'affare Dreyfus), Frédéric Bazille, Alfred Sisley, Berthe Morisot, Edgar Degas (prima dell'affare Dreyfus), Paul Cézanne, Paul Gauguin, Gustave Caillebotte, Mary Cassatt, Durand-Ruel.

  • Luogo di pellegrinaggio : Museo Camille Pissarro a Pontoise (regione di Parigi), Museo d'Orsay (Parigi), Metropolitan Museum of Art (New York).

  • Citazione : “In linea di principio, non volevamo una scuola , amiamo Delacroix, Courbet, Daumier e tutti coloro che hanno qualcosa nello stomaco, e la natura, la vita all'aria aperta, le diverse impressioni che abbiamo, tutta la nostra preoccupazione. Ripudiamo tutte le teorie artificiali. "


Camille Pissarro, La raccolta del fieno a Eragny , 1887. Museo Van Gogh (Amsterdam).

6. Alfred Sisley, l'ignoto

Nonostante sia stato comunque uno dei fondatori dell'Impressionismo, Alfred Sisley (1839 - 1899) rimane una delle sue personalità meno conosciute , di fronte a celebrità internazionali come i suoi compagni Monet, Renoir, Degas e Manet. Non conoscerà mai il successo nella sua vita . Nella pittura, trova l'estasi solo attraverso il paesaggio , producendo capolavori del genere ad ogni pennellata. Il suo stile di vita alternava la mondanità parigina al Café Guerbois in compagnia dei suoi compagni, e soggiorni rilassanti in campagna dove poteva dedicarsi alla pittura all'aria aperta.


Auguste Renoir, Ritratto di Alfred Sisley , 1874. Art Institute of Chicago.

  • Situazione finanziaria : Sostenuto dal patrimonio familiare fino all'età di 27 anni, viene poi diseredato e provvede alla sua famiglia con grandi difficoltà.

  • Temi preferiti : Paesaggi, monumenti e alcune nature morte.

  • Parenti stretti : Claude Monet, Auguste Renoir, Frédéric Bazille, Camille Pissarro, Marie Bracquemond, Berthe Morisot, Gustave Caillebotte, Durand-Ruel (che gli comprò circa 400 dipinti).

  • Luogo di pellegrinaggio : Opere sparse - Musée d'Orsay (32 dipinti), Musée des Beaux-Arts de Rouen (8 dipinti), Philadelphia Museum of Art (7 dipinti), Ordrupgaard Museum di Copenhagen (6 dipinti), Musée du Petit Palais de Paris (4), Museo del Louvre (3), MuMa Le Havre (3), Palais des Beaux-Arts de Lille (3), Montreal Museum of Fine Arts (3), NY Carlsberg Glyptotek Copenhagen (3), Staatsgalerie Stuttgart ( 3)… Alcune sue opere sono presenti anche in Russia, Svizzera, Belgio, Italia, Regno Unito, Repubblica Ceca e perfino in Algeria.

  • Citazione : “Ogni dipinto mostra qualcosa di cui il pittore si è innamorato. "


Alfred Sisley, La Place du Chenil a Marly, effetto della neve, 1876. Museo delle Belle Arti di Rouen.

7. Frédéric Bazille, il maledetto

Frédéric Bazille (1841 - 1870) fu presente alla genesi dell'Impressionismo , quando decisero, con Monet, Renoir e Sisley, di lasciare lo studio di Charles Gleyre, uno dei primi accademici ossessionato dall'arte antica. Proveniente dalla borghesia di Montpellier e destinato a un brillante futuro da medico come i suoi antenati, si allontanò da questa vocazione per offrirsi alla sua vera passione: la pittura . Grazie al sostegno finanziario della sua famiglia, si stabilì a Parigi e dipinse numerosi dipinti unendo finezza e leggerezza. Ispirati dalla disinvoltura di Édouard Manet, i suoi temi preferiti si dimostreranno profondamente unici : scene di nuoto in un fiume, ritratti di famiglia solari ...

Frédéric Bazille, Autoritratto con tavolozza , 1865-66. Istituto d'Arte di Chicago.

Lontano dalla mondanità parigina, i suoi dipinti sono intrisi di diversità etnica , sensibilità e omoerotismo . Sarà purtroppo al verde nei suoi giovani anni creativi, morto al fronte nel 1870. Questa morte prematura fece precipitare la sua opera nell'oblio, nonostante un'innegabile originalità che lo avrebbe reso uno dei più famosi impressionisti del nostro tempo.

Frédéric Bazille, Giovane donna con peonie , 1870. National Gallery of Art (Washington).

  • Situazione finanziaria : Sostenuta dal patrimonio di famiglia, collezionista e mecenate.
  • Temi preferiti : scene estive, scene di interni, scene di famiglia, paesaggi, ritratti, fiori, nature morte.

  • Parenti stretti : Claude Monet, Auguste Renoir, Alfred Sisley, Edgar Degas, Camille Pissarro, Berthe Morisot, Edouard Manet, Henri Fantin-Latour, Paul Cézanne, Emile Zola, Paul Verlaine.

  • Luogo di pellegrinaggio : il Musée d'Orsay (Parigi) e il Musée Fabre (Montpellier) che ospita la maggior parte dei suoi capolavori.

  • Citazione : "Per me, sono sicuro di non essere ucciso: ho troppo da fare nella vita" (un giorno prima della sua morte)


Frédéric Bazille, L'atelier de Bazille , 1870. Su questo dipinto possiamo vedere i suoi compagni Manet, Monet e Renoir.

8. Mary Cassatt, l'espatriata americana

Mary Cassatt (1844 - 1926) è l'elemento internazionale del gruppo . Nata in una famiglia americana di origine francese, ha sempre mantenuto stretti legami con il microcosmo artistico parigino. Molto vicino a Edgar Degas , quest'ultimo la introdusse al gruppo impressionista, grazie al quale poté esprimere liberamente il suo stile singolare, e partecipare a mostre collettive per mettere in mostra il suo lavoro.


Edgar Degas, Ritratto di Mary Cassatt , 1880-1884 circa. Galleria Nazionale dei Ritratti (Washington).

Indipendente, single e senza discendenti, Mary Cassatt ha comunque prodotto la maggior parte delle sue opere sul tema della maternità e dell'infanzia , quasi a esorcizzare un modello imposto dalla società che non apprezzava. Lungi dall'essere una semplice seguace, il suo stile si inserisce perfettamente nell'approccio impressionista.   (tavolozza vibrante, giochi di luce, motivi giapponesi) e giocherà un ruolo chiave nell'esportazione del movimento, soprattutto negli Stati Uniti. Aiuterà il mercante Paul Durand-Ruel ad allestire la sua galleria oltre Atlantico e utilizzerà la sua rete di amici e collezionisti americani per promuovere la causa moderna.


Mary Cassatt, Bambina in una poltrona blu , 1878. National Gallery of Art (Washington).

  • Situazione finanziaria : Sostenuta dal patrimonio familiare.

  • Temi di scelta: a casa (ovviamente è una donna alla fine del XIX secolo), scena di maternità, ritratto.

  • Parenti stretti : Edgar Degas, Berthe Morisot, Camille Pissarro, Durand-Ruel, Ambroise Vollard.

  • Luogo di pellegrinaggio : Opera sparsa : National Gallery of Art (Washington), Philadelphia Museum of Art, Art Institute of Chicago, Musée d'Orsay (Parigi).

  • Citazione : “Ci sono solo due strade per un pittore: una larga e facile, l'altra stretta e difficile. "


Mary Cassatt, La Barque , 1893. Galleria Nazionale d'Arte (Washington).

9. Gustave Caillebotte, il mecenate

Gustave Caillebotte (1848 - 1894), fu l'amico e l'inaspettato sostegno del gruppo impressionista dopo i primi fallimenti. Entrato tardi nel movimento, era il più giovane del gruppo : aveva solo 22 anni nel 1870 quando Bazille morì (28 anni). Conobbe gli impressionisti (in particolare Monet e Degas) negli anni 1872-73. A quel tempo, stava già dipingendo e sogna l'accettazione accademica . Le sue speranze furono presto infrante da una serie di rifiuti al Salone Ufficiale , che lo portarono ad aderire con forza e vigore al movimento impressionista.

Gustave Caillebotte, Autoritratto , 1889 circa. Musée National des Beaux-Arts du Québec.

Alla morte del padre nel 1874, ereditò un'immensa fortuna che poi spese per aiutare gli amici, organizzare mostre impressioniste e acquistare opere simbolo del movimento, che lo resero uno dei più grandi collezionisti e mecenati dell'impressionismo di questa fine del secolo. . Protettore e compagno , manterrà le sue amicizie con il gruppo fino alla fine dei suoi giorni.


Gustave Caillebotte, Le piallatrici , 1875. Museo d'Orsay, Parigi.

  • Situazione finanziaria : Sostenuta dal patrimonio di famiglia, collezionista e mecenate.

  • Temi preferiti : scene di strada parigine, scene di vita sociale, scene di lavoro, scene nautiche, paesaggi, paesaggi marini, nature morte.

  • Parenti stretti : Claude Monet (al quale affitta un appartamento a Parigi), Camille Pissarro (che aiuta regolarmente), Auguste Renoir (che diventerà il suo esecutore testamentario), Alfred Sisley, Paul Cézanne, Edgar Degas, Edouard Manet, Berthe Morisot, Durand-Ruel.

  • Luogo di pellegrinaggio : Le Casin, sua antica dimora a Yerres (regione di Parigi) , Musée d'Orsay (Parigi).

  • Citazione : "Nessuno lo vuole, lo compro!" ".


Gustave Caillebotte, Rue de Paris, Rainy Weather , 1877. Art Institute of Chicago.

10. Edouard Manet, l'avanguardia

Lo scandalo si attacca alla pelle di Edouard Manet (1832 - 1883) . Timido ma ambizioso, non ha cercato di attirare l'ira della polemica. Suo malgrado, ogni apparizione dei suoi dipinti divenuti leggendari ( L'Olimpia , Pranzo sull'erba , Piffero... ), era irta di opinione pubblica e critica .

Edouard Manet, Autoritratto con tavolozza , 1879. Collezione privata.

Investito nel sacro fuoco della modernità, è considerato da alcuni il capo ufficioso dell'Impressionismo , movimento al quale non volle però essere affiliato . Manet ha sempre stabilito una distanza con gli impressionisti, pur mantenendo con loro ottimi rapporti, tra ispirazione e protezione. Manet condivideva con Degas un profondo interesse per la convalida accademica : desiderava modificare l'accademismo e non opporsi a lui come la maggior parte degli impressionisti. Quindi questo spiega perché i suoi soggetti sono così diversi dalla maggior parte degli altri membri del gruppo, e spiega anche perché non ha partecipato a nessuna mostra collettiva , sebbene apprezzasse i suoi compagni di rivoluzione artistica.

Edouard Manet, Le Déjeuner sur l'Herbe , 1863. Musée d'Orsay, Parigi.

  • Situazione finanziaria : Sostenuta dal patrimonio di famiglia, collezionista e mecenate.

  • Temi preferiti : pittura di genere, ritratto di genere, scena all'aperto, natura morta .

  • Parenti stretti : Edgar Degas, Claude Monet, Auguste Renoir, Frédéric Bazille, Berthe Morisot (sua cognata), Eva Gonzales (sua allieva), Marie Bracquemond, Gustave Caillebotte, Henri Fantin-Latour, Emile Zola, Charles Baudelaire.
  • Luogo di pellegrinaggio : Musée d'Orsay (Parigi), National Gallery of Art (Washington), Art Institute of Chicago, Metropolitan Museum of Art (New York).
  • Citazione : "Chi ha detto che il disegno è forma di scrittura?" La verità è che l'arte deve essere la scrittura della vita. ".


Edouard Manet, L'Olympia , 1863. Museo d'Orsay, Parigi.

11. Marie Bracquemond, la discreta

Sebbene relativamente sconosciuta al grande pubblico, Marie Bracquemond (1840 - 1916) fu una grande signora del movimento impressionista . Allieva di Ingres (comunque!) , si è finalmente avvicinata all'Impressionismo grazie alle sue amicizie con Manet e la coppia Sisley. Ha partecipato due volte alle mostre del gruppo. Focosa innovatrice , non si limita a dipingere su tela: negli anni realizza numerosi acquarelli , acqueforti e ceramiche dipinte .

Marie Bracquemond, Autoritratto , 1870. Posizione sconosciuta.

Nel 1890 dovette porre fine alla sua carriera di artista. Suo marito è pubblicamente infastidito dalla sua libertà creativa, i giudizi sono all'ordine del giorno e Marie Bracquemond decide di diventare la donna discreta e docile che suo marito e la società richiedevano. Una storia molto triste, simbolo di un'epoca arcaica. Morì nel 1916, senza che l'opinione pubblica ne riconoscesse l'importanza.

  • Temi preferiti : scena d'interni (ovviamente) , ritratto, paesaggio e natura morta.

  • Parenti stretti : Edouard Manet, Alfred Sisley, Edgar Degas.

  • Luoghi di pellegrinaggio : Opere sparse - Museo d'Orsay, Petit Palais (Parigi), Museo di Belle Arti di Rouen, Museo Cambrai, Museo Fabre (Montpellier), Museo di Ginevra.

Marie Bracquemond, Sotto la lampada , 1887. Maurice Sternberg Galleries, Chicago.

12. Eva Gonzales, la discepola

Eva Gonzales (1847 - 1883) è probabilmente l'impressionista meno conosciuta in questa lista. La sua prematura scomparsa e il suo rifiuto di partecipare alle varie mostre impressioniste sono sicuramente la causa principale. Di origine spagnola, divenne allieva di Edouard Manet e sviluppò un rapporto di amicizia con il suo maestro, provocando la gelosia della sua contemporanea Berthe Morisot . La sua vicinanza a Manet si farà sentire durante tutta la sua breve carriera, sia che si tratti del suo atteggiamento nei confronti del gruppo impressionista sia del trattamento singolare dei suoi soggetti. Morì nel 1883, all'età di 36 anni. Sfortunatamente, questa morte prematura non gli ha permesso di esprimere tutta la profondità del suo talento.


Édouard Manet, Ritratto di Eva Gonzalès , 1869-1870. Londra, National Gallery.

  • Situazione finanziaria : Sostenuta dal patrimonio familiare.

  • Tema preferito : ritratto, scena d'interni, paesaggio.

  • Parenti stretti : Edouard Manet, Emile Zola, Paul Cézanne.

  • Luogo di pellegrinaggio : Opera sparsa - Museo Soumaya (Messico), Galleria Nazionale d'Arte (Washington), Istituto d'Arte di Chicago, Kunsthalle a Brema (Germania), Palazzo Belvedere a Vienna (Austria), Museo Ordrupgaard (Copenhagen, Danimarca), Dieppe Museo, Museo Gajac, Museo delle Belle Arti di Marsiglia, Museo d'Orsay.

Eva Gonzales, Una modista , 1882-1883. Istituto d'Arte di Chicago.

13. Paul Cézanne, il provinciale

Paul Cézanne (1839 - 1906) rimarrà diviso tra la capitale e il suo villaggio natale, Aix-en-Provence, per tutta la vita . Parigi gli permette di presentare le sue opere e rivendicare il successo, lo stesso successo che il suo amico d'infanzia , l'illustre scrittore Emile Zola, avrebbe subito sperimentato. Al contrario, il suo villaggio provenzale gli porta riposo e conforto, ma soprattutto l'ispirazione necessaria per un pittore che prospera attraverso paesaggi verdi .


Auguste Renoir, Ritratto di Paul Cézanne , 1880. Collezione privata.

A Parigi incontra il gruppo degli impressionisti , fa amicizia con loro e scopre che condividono una volontà comune , sebbene i loro stili rimangano, nella sostanza, molto diversi. Parteciperà solo a due mostre impressioniste. Burbero e capriccioso, si è poi allontanato dal gruppo per trascorrere le sue giornate dipingendo sul motivo i più bei panorami montani del sud della Francia .


Paul Cézanne, La Maison du Pendu , 1873 circa. Museo d'Orsay, Parigi.

  • Situazione finanziaria : Proveniente da una famiglia borghese. Non apprezzare la sua scelta di carriera questa non lo aiuterà. Vivrà dolorosamente fino al successo artistico e finanziario dei suoi ultimi anni .

  • Temi preferiti : paesaggi, ritratti, dipinti di genere.

  • Parenti stretti : Emile Zola (il suo amico d'infanzia), Camille Pissarro (il suo insegnante e il suo impressionista preferito), Claude Monet, Auguste Renoir, Gustave Caillebotte, Eva Gonzales, Ambroise Vollard.

  • Luogo di pellegrinaggio : L'Atelier de Cézanne e il Museo Granet ad Aix-en-Provence (sud della Francia), Museo d'Orsay e Museo dell'Orangerie (Parigi), Museo dell'Ermitage (San Pietroburgo), Museo Pushkin (Mosca).

  • Citazione : “La natura deve essere trattata dal cilindro, dalla sfera e dal cono. "


Paul Cézanne, I giocatori di carte , 1890-92. Metropolitan Museum of Art (New York).

E il gioco è fatto, questa classificazione è finita. Tuttavia, per essere del tutto esauriente, sarebbe necessario aggiungere accanto a questi pittori, altri attori senza i quali l'impressionismo non avrebbe mai potuto raggiungere le vette che incontra oggi. Senza i mercanti che hanno dato la loro fiducia (Durand Ruel, Ambroise Vollard, Padre Tanguy) , senza i collezionisti che hanno fornito il loro sostegno (Victor Chocquet, Théodore Duret, Charles Ephrussi, Ernest Hoschedé...) , senza i critici d'arte che hanno partecipato alla loro promozione (Emile Zola, Charles Baudelaire, Edmond Duranty) e senza i loro fedeli amici, mecenati e pittori di fama inferiore (Armand Guillaumin, Henri Rouart, Eugène Boudin, Henri Fantin-Latour, Gauguin, Nadar ...) gli artisti impressionisti avrebbero certamente hanno mantenuto il loro posto di pittori decadenti ai margini dell'arte ufficiale , condannati al disprezzo, al rapido oblio e al silenzio dell'eternità.

L'impressionismo è un capolavoro comune, frutto dell'entusiasmo di un'epoca e dell'ardore creativo di un pugno di pittori pronti a stravolgere schemi consolidati. È il risultato di incontri, amicizie sincere e confronti con l'arte del protocollo.
Per questo questo movimento libero e innovativo vibra ancora tanto nei nostri cuori!

articoli Correlati

Artmajeur

Ricevi la nostra newsletter per appassionati d'arte e collezionisti