CYBER MONDAY
Fino a -70%
Quando l'arte flirta con il crimine: 3 storie terrificanti che mescolano arte e crimine

Quando l'arte flirta con il crimine: 3 storie terrificanti che mescolano arte e crimine

Bastien Alleaume | 28 mag 2021 9 minuti di lettura
 

Oggi Artmajeur ti porta nelle profondità della mente umana, dove la ragione è oscurata a favore dell'egoismo o della follia. Resisti, e scopri con noi queste tre storie sordide e affascinanti che combinano tortura , rapimento , omicidio e… arte .

1. L'arte moderna come strumento di tortura

Per questa prima storia che mescola arte e criminalità, ti portiamo in un'epopea tanto morbosa quanto elettrizzante: quando i servizi di controspionaggio spagnoli torturavano gli oppositori del regime franchista usando l'arte moderna.

Questa storia si svolge dal 1936 (inizio della guerra civile spagnola), fino alla fine degli anni 40. Mentre a quel tempo, in Germania, le opere d'arte moderna venivano prelevate dai musei e qualificate come Arte degenerata , in Spagna si usava il principi teorizzati da questi nuovi artisti per torturare gli avversari politici.

Dietro questa strana idea c'è un artista francese (fallito) di nome Alphonse Laurencic . Inizialmente detenuto in Spagna per delinquenza finanziaria, ha convinto il SIM (Servizio di informazione militare) a collaborare con loro per progettare strumenti di tortura e celle di prigione di tipo completamente nuovo .

Alfonso Laurencic. Copertina del libro El Hombre de las Checas , Susana Frouchtmann.

Prendendo in prestito idee sviluppate da artisti affiliati alla scuola Bauhaus , utilizzerà i principi dell'astrazione geometrica e del surrealismo per concettualizzare cellule di tortura psicologica. Queste prigioni segrete, chiamate " Checas " saranno in un certo senso il lato oscuro delle teorie d'avanguardia sul colore, la luce e le loro combinazioni.

Cosa troviamo in queste camere di tortura?
In queste strette celle c'era ovviamente un letto: ma era inclinato di 20 gradi , così che al minimo sonno, il prigioniero scivolava e cadeva a terra.
Allora perché non dormire per terra? Ebbene… Il pavimento era ricoperto da un labirinto di mattoni disposti sul bordo ad eguale distanza, impedendo al detenuto di potersi sdraiare, ma anche di potersi sedere e perfino di camminare in linea retta.

A sinistra, copertina del libro Por que hice las 'Chekas' de Barcelona , 1939.
A destra, ricostruzione di una cella del carcere Laurencic, luogo sconosciuto.

Le pareti erano ricoperte di motivi geometrici ispirati al Bauhaus , a Wassily Kandinsky oa Paul Klee . Il verde era il colore dominante, perché per Laurencic creava nello spettatore una forte sensazione di malinconia e tristezza .
Per disorientare ulteriormente il torturato, l'artista aveva immaginato molti altri stratagemmi che combinavano arte e meccanica, premesse così morbose dell'arte cinetica . Ad esempio, ha usato i ripetuti lampi di luce per destabilizzare la vista del prigioniero. Mescolato a motivi geometrici astratti, questo sfarfallio ti ha fatto perdere rapidamente la testa. E come se non bastasse, in queste celle c'era anche un orologio. La velocità delle loro lancette era stata modificata per fare il giro del quadrante in 20 ore. Dopo alcuni giorni, i detenuti hanno logicamente perso ogni nozione di tempo e spazio.
Per i più recalcitranti, Laurencic immaginava anche torture uditive , costringendo i detenuti ad ascoltare il suono ripetitivo di un metronomo amplificato a velocità diverse.

Immagini d'archivio delle celle di Laurencic in via Saragozza, Barcellona (1939).

Difficile immaginare l'atmosfera nauseabonda che regnava in queste stanze di sofferenza. Gli sfortunati avversari non potevano resistere a lungo: cadevano per stanchezza, malattia o impazzivano. Tutti finirono per confessare. Confessando cosa? Qualsiasi cosa, ma soprattutto ciò che i loro aguzzini volevano sentire.

Una tristissima riappropriazione dei codici dell'arte moderna. Mentre il Bauhaus aspirava a utilizzare questa conoscenza tecnica per creare spazi funzionali ed estetici, Laurencic ha fatto l'esatto contrario. Fu fucilato il 9 luglio 1939, a soli 37 anni.

2. Un delitto dietro uno dei più grandi capolavori del Louvre

Sapevi che dietro uno dei più grandi capolavori del Louvre, Le Gentilhomme Sévillan di Murillo , si nasconde una storia da brividi?

Bartolomé Estéban Murillo, Le Gentilhomme Sévillan , 1659. Museo del Louvre, Parigi.

È prima di tutto la storia di Suzanne de Canson , una delle più ricche ereditiere di Francia . La sua famiglia ha fatto fortuna fin dal XVIII secolo grazie all'omonimo commercio di carta da disegno. Suo padre è un famoso collezionista di opere d'arte e antiquariato di ogni genere. Nel 1958, quando morì, Suzanne e sua sorella ereditarono ciascuna metà del patrimonio di famiglia, che ora è stimato in più di 75 milioni di euro . Composto per la maggior parte da opere d'arte e d'antiquariato, questo patrimonio racchiude anche un dipinto di pregio molto particolare: si tratta del Gentilhomme Sévillan , dell'artista spagnolo Bartolomé Estéban Murillo , stimato in più di 20 Milioni di franchi all'epoca (3 Milioni di euro). Le due sorelle si rifiutano di venderlo, vista la sua importanza sentimentale , e promettono di tenerlo per sempre nel patrimonio di famiglia.

Come un curioso allontanamento dal loro impegno, oggi questo capolavoro è nella sala 718 del Louvre. Ma cosa è successo? Resisti, perché la vita di un ricco erede a volte riserva dolorose sorprese. Ti spieghiamo:

Grazie all'immenso patrimonio di famiglia, Suzanne ha aperto la strada sin dalla sua giovinezza. A 18 anni si separa dall'uomo con cui doveva sposarsi per sistemarsi con un certo Laurence, con il quale vivrà per 37 anni. La sua presunta omosessualità non è unanime con la sua famiglia mondana e conservatrice , che gradualmente si allontanerà da lei .

A sinistra, Suzanne de Canson. A destra, sua sorella Jeanne Deschamps nel 1991.

Nel 1980, Suzanne e il suo compagno si separarono. Laurence esce di casa con diverse opere d'arte (di cui il Murillo non fa parte) , e per risolvere queste complessità legali, Suzanne si rivolge a un avvocato : Robert Boissonnet . Quest'ultima si avvicinò rapidamente all'ereditiera settantenne, acquisì la sua fiducia e le fu persino affidata la gestione del suo patrimonio. Divenne il suo uomo di fiducia, le fornì una residenza imponente e una "compagna" , di nome Joelle Pesnel.

Povera e ambiziosa, Joelle Pesnel è un'artista fallita con un ego sovradimensionato.
La sua relazione con Suzanne de Canson, ricca e fragile, si trasformerà presto in dramma, come potrebbe aspettarsi il buon senso. Discretamente ma sicuramente, l'avvocato e la dama di compagnia approfitteranno della senilità di Suzanne per liquidare i suoi beni mobili . Per non destare i sospetti dell'amministrazione e del resto della famiglia, trasporteranno le varie opere e oggetti d'antiquariato attraverso il confine svizzero. Lì, tutto quello che dovevano fare era vendere questi dipinti con discrezione. Purtroppo questa squallida storia non finisce qui, e la vita dell'ereditiera si trasformerà in un vero e proprio incubo .


Joëlle Pesnel durante il suo processo nel 1991.

Quando Suzanne de Canson morì nel 1986, all'età di 76 anni, la polizia perquisì la casa che condivideva con la sua compagna, Joelle.
Sul posto, è stupore : gli agenti scoprono le condizioni di vita dell'ereditiera, più simili a condizioni di detenzione . Capiamo allora che la povera donna è stata sequestrata per molti mesi, in una stanza senza finestra né luce, con come unica comodità un materasso di plastica in un angolo della stanza . Morì di fame, abbandonata dal suo carceriere "compagno" , che la lasciò deperire senza rispetto, igiene e pietà . Morì sola, in completo anonimato.


Suzanne de Canson, fotografata pochi mesi prima della sua morte.

In seguito a questi tragici eventi, l'ultima ereditiera Canson, Jeanne, fece di tutto per rendere giustizia alla sorella e recuperare l'opera di Murillo. Sfortunatamente, le molteplici e oscure transazioni che circondano questo capolavoro hanno reso il compito troppo complesso per questo. Il dipinto è passato per la Svizzera grazie a documenti falsi, poi sono intervenuti altri avvocati per offuscare le transazioni fino al fallito tentativo di vendita della casa d'aste inglese Christie's , che ha apertamente mentito sulla provenienza dell'opera accettando di cambiare il cognome Canson in Cansou . In Francia, l'amministrazione del Louvre scopre che l'opera ha lasciato il territorio illegalmente e interviene per annullare la prevista vendita a Londra. Il museo tratterà in segreto l'acquisto dell'opera con Joelle Pesnel attraverso la casa d'aste, per la modica cifra di 760.000 euro, quando era stimata in diversi milioni. Ne seguì uno scandalo nel taciuto mondo del mercato dell'arte: il Louvre negava di essere a conoscenza della dubbia provenienza dell'opera, mentre era nota a tutti la sua presenza nella prestigiosa collezione Canson. Dopo un lungo periodo di crociate giudiziarie, il museo vinse la sua causa riconoscendo la sua buona fede.

Oggi la sorella di Suzanne è morta, e sembra improbabile che l'opera di Murillo possa mai tornare nella sua collezione, ormai impoverita e priva di un reale desiderio di conservazione. Se, per caso, passeggiate un giorno nella stanza 718 del dipartimento di pittura del Louvre, di certo non percepite questo signore allo stesso modo.

3. Il clown killer: psicopatico e artista allo stesso tempo

Con tutto il rispetto per l'artista visiva Louise Bourgeois , per la quale l' arte è una " garanzia di buona salute mentale " , la follia creativa a volte spazza via le menti più oscure di questo mondo. Come sappiamo: Hitler era un mostro durante la settimana, ma questo non gli ha impedito di dipingere la domenica. Oggi parleremo di un altro artista sbilenco, ed è Pogo il Clown .

Il suo vero nome John Wayne Gacy (che suona già molto diverso ), è nato nel 1942 a Chicago, ed è uno dei serial killer americani più famosi . Cresciuto in un clima favorevole alla perversione - alcolismo familiare, padre sadico e abusi sessuali - John Wayne Gacy visse comunque da uomo onesto per molti anni, fino a quando commise il suo primo crimine nel 1972, all'età di 30 anni.

Titolare di una piccola impresa edile e artista nel tempo libero , era conosciuto per il suo entusiasmo e la sua generosità. Amava travestirsi da clown per intrattenere i bambini ricoverati nella periferia di Chicago . Ben inserito nella comunità polacca della città, vi organizzava una parata ogni anno, e nel 1978 incontrò persino la first lady: Lady Rosalynn Carter .

John Wayne Gacy e Lady Rosalynn Carter nel 1978.

Chi poteva immaginare che dietro il trucco della benevolenza si nascondesse una delle serie di assassini più crudeli del XX secolo? Dopo numerose sparizioni di giovani nel suo entourage, la polizia iniziò a indagare e decise, nel dicembre 1978, di arrestare e perquisire la casa di questo strano pagliaccio. Nelle fondamenta e nel vespaio della casa troveranno 26 cadaveri. Nel giardino vengono dissotterrati 3 cadaveri. Nel vicino fiume vengono recuperati 4 corpi. Responsabile dell'omicidio di 33 ragazzi, confessa anche di averli violentati e torturati prima di ucciderli.

Questo mostro travestito da altruismo sa che lo attende la pena di morte, ma resterà in carcere per più di 10 anni , affinché la giustizia possa risolvere ciascuno dei casi in cui è stato coinvolto. Durante la sua detenzione, John Wayne Gacy si dedicherà alla sua passione: la pittura. Puntando su rimandi oscuri , tra Art Brut e ritardo mentale, produrrà molte opere ispirate al suo universo clownesco, ma anche all'universo Disney, come Bambi o Biancaneve e i 7 nani . Rick Staton, uomo senza scrupoli e direttore di pompe funebri, diventerà il suo agente artistico e venderà le sue opere attraverso gallerie d'arte e case d'asta. Ancora più tragicamente, questi si esauriranno velocemente e a buon prezzo, nella più pura tradizione dei Murderabilia, questi oggetti legati ad omicidi che gli appassionati si scambiano e collezionano.
Nella cultura popolare, questa sordida notizia ha ispirato molte opere audiovisive come il film It , The Joker o la serie American Horror Story .

Un'opera di John Wayne Gacy: I'm Pogo the Clown .

Speriamo che queste storie macabre non influenzino troppo i tuoi incubi.
Se vi sono piaciuti questi sinistri aneddoti, non esitate a farcelo sapere nei commenti, abbiamo ancora qualche curiosità a portata di mano per una seconda parte!

articoli Correlati

Artmajeur

Ricevi la nostra newsletter per appassionati d'arte e collezionisti