Back to top

DAVIDE PACINIDAVIDE PACINI Follow

Back to profile Galleries
DAVIDE PACINI

DAVIDE PACINI
(1960- )
Nationality: it Italy


134 artworks   Artistic domains : Drawing, Painting

Nato a Pistoia il 24 luglio 1960
Nomina ad Accademico per meriti artistici, Accademia Internazionale Greci Marino, Accademia del Verbano, di Lettere, Arti e Scienze
Diplomato Maestro d'Arte e disegnatore di architettura e arredamento all'Istituto Statale d'Arte Petrocchi di Pistoia.
Targa d'Oro Art Collection 2003, Biennale Grandi Firme dell'Arte Contemporanea, Portovenere (SP).
Presente sul Dizionario Enciclopedico Internazionale Di Arte Moderna e Contemporanea 2002
Medaglia d'Oro, Premio Alba 2002
Presente su Arte e Artisti contemporanei n. 73
Premio Internazionale Arte Milano 2017
Premio Internazionale Franzosische Friedrichstadtkirche - Berlino 2017

Giudizi Critici:
Davide Pacini è un artista che pone grande attenzione alla simbologia delle sue opere, che riesce a trasmettere attraverso i suoi dipinti, siano essi ritratti o paesaggi urbani e non, quelle sensazioni che lo hanno motivato nella creazione stessa, appunto.
E’ la struttura cromatica quell’elemento che riesce a dare vita ai soggetti esaltandone le qualità non soltanto estetiche ma evidenziando anche la loro personalità e i molteplici aspetti della loro anima. Sono solo le emozioni a guidare il gesto pittorico dell’artista, che con grande talento tecnico ed espressivo riesce a cogliere le vibrazioni emozionali per poi trasformarle in immagini intense ed emotivamente cariche e questo fa si, che l’autenticità del suo intento, venga fuori insieme alla sua bravura.
Molto spesso l’universo sentimentale è difficile da rendere attraverso le immagini, ma per Pacini è un processo naturale a seguito di quello che concerne il pensiero astratto, l’idea.
Intense e coinvolgenti, le sue opere riscrivono i dettami di un’ estetica contemporanea, mettendo in evidenza un realismo del segno di alto livello e una simbologia legata al colore che emoziona e stupisce.
Sandro Serradifalco

I soggetti di Pacini sono legati strettamente al reale, ma proposti attraverso una lettura intima che ne sottolinea atmosfere coinvolgenti.
Per tutto ciò è determinante l’uso del colore: netto o sfumato, tenue o forte, senza dubbio protagonista dell’opera quanto il soggetto stesso. Dalla scelta di un soggetto letto con la propria anima e fatto “vivere” con il colore, nascono opere fatte di emotività. Le opere di Pacini sono opere nate dal cuore e da un istintivo coinvolgimento per un soggetto: sono emozioni, sono attimi di gioia, sono momenti di malinconia che attraverso la scelta del soggetto e l’uso del colore prendono forma sulla tela.
Sono opere che Pacini definisce “di getto”, nate cioè dal fascino che un soggetto ha su di lui e da sensazioni istintive. E in questo è la bellezza delle opere di questo artista: sono messaggi nati dal cuore e rivolti a chi con il cuore, e non solo con gli occhi, legge la vita.
(Ilaria Minghetti)
Nato a Pistoia il 24 luglio 1960
Nomina ad Accademico per meriti artistici, Accademia Internazionale Greci Marino, Accademia del Verbano, di Lettere, Arti e Scienze
Diplomato Maestro d'Arte e disegnatore di architettura e arredamento all'Istituto Statale d'Arte Petrocchi di Pistoia.
Targa d'Oro Art Collection 2003, Biennale Grandi Firme dell'Arte Contemporanea, Portovenere (SP).
Presente sul Dizionario Enciclopedico Internazionale Di Arte Moderna e Contemporanea 2002
Medaglia d'Oro, Premio Alba 2002
Presente su Arte e Artisti contemporanei n. 73
Premio Internazionale Arte Milano 2017
Premio Internazionale Franzosische Friedrichstadtkirche - Berlino 2017

Giudizi Critici:
Davide Pacini è un artista che pone grande attenzione alla simbologia delle sue opere, che riesce a trasmettere attraverso i suoi dipinti, siano essi ritratti o paesaggi urbani e non, quelle sensazioni che lo hanno motivato nella creazione stessa, appunto.
E’ la struttura cromatica quell’elemento che riesce a dare vita ai soggetti esaltandone le qualità non soltanto estetiche ma evidenziando anche la loro personalità e i molteplici aspetti della loro anima. Sono solo le emozioni a guidare il gesto pittorico dell’artista, che con grande talento tecnico ed espressivo riesce a cogliere le vibrazioni emozionali per poi trasformarle in immagini intense ed emotivamente cariche e questo fa si, che l’autenticità del suo intento, venga fuori insieme alla sua bravura.
Molto spesso l’universo sentimentale è difficile da rendere attraverso le immagini, ma per Pacini è un processo naturale a seguito di quello che concerne il pensiero astratto, l’idea.
Intense e coinvolgenti, le sue opere riscrivono i dettami di un’ estetica contemporanea, mettendo in evidenza un realismo del segno di alto livello e una simbologia legata al colore che emoziona e stupisce.
Sandro Serradifalco

I soggetti di Pacini sono legati strettamente al reale, ma proposti attraverso una lettura intima che ne sottolinea atmosfere coinvolgenti.
Per tutto ciò è determinante l’uso del colore: netto o sfumato, tenue o forte, senza dubbio protagonista dell’opera quanto il soggetto stesso. Dalla scelta di un soggetto letto con la propria anima e fatto “vivere” con il colore, nascono opere fatte di emotività. Le opere di Pacini sono opere nate dal cuore e da un istintivo coinvolgimento per un soggetto: sono emozioni, sono attimi di gioia, sono momenti di malinconia che attraverso la scelta del soggetto e l’uso del colore prendono forma sulla tela.
Sono opere che Pacini definisce “di getto”, nate cioè dal fascino che un soggetto ha su di lui e da sensazioni istintive. E in questo è la bellezza delle opere di questo artista: sono messaggi nati dal cuore e rivolti a chi con il cuore, e non solo con gli occhi, legge la vita.
(Ilaria Minghetti)


Articles: